Vai al contenuto

I “Balilla del Green pass”. Ecco gli studenti che controllano “l’idoneità” dei compagni

Pubblicato il 27/01/2022 09:15

Studenti trasformati in piccoli “Balilla del Green pass”, come qualcuno li ha scherzosamente già ribattezzati in rete, incaricati di controllare il rispetto delle norme anti-Covid da parte dei propri coetanei una volta a bordo dei mezzi pubblici. Succede anche questo, nell’Italia di Mario Draghi e dell’emergenza sanitaria permanente: un’iniziativa andata in scena nel Modenese e che non ha mancato di far discutere in rete. Non tutti gli utenti, infatti, si sono mostrati favorevoli, evidenziando i rischi di un simile approccio.

Come raccontato dal Corriere di Bologna, infatti, nel 2020-2021 era toccato al personale di una cooperativa il compito di controllare il rispetto delle norme anti-Covid a bordo degli autobus diretti a scuola. Ora, invece, toccherà direttamente agli autisti aiutati, però, dagli studenti delle scuole medie di Formigine, in provincia di Modena. I ragazzi saranno muniti per l’occasione di uno speciale tesserino per distinguersi davanti a tutti e dovranno ricordare agli altri passeggeri le regole da seguire.

Gli studenti-controllori, per esempio, dovranno invitare i compagni a disinfettare correttamente le mani al momento di salire a bordo, verificare che le mascherine siano indossate nelle maniera corretta e scansionare il Qr code degli altri passeggeri per assicurarsi che siano regolarmente in possesso del Green pass. Un’iniziativa sulla quale hanno puntato fortemente le istituzioni locali, convinte della bontà della scelta fatta.

“La scuola non forma i ragazzi solo in senso accademico, ma fornisce loro anche le basi per diventare cittadini attenti e dotati di senso critico – ha commentato la vicesindaca e assessora all’Istruzione Simona Sarracino – Si tratta di un percorso di auto-responsabilizzazione che favorisce comportamenti positivi e risponde allo stesso tempo all’esigenza di socializzare con i propri compagni, trasmettendo il messaggio che la salute un bene collettivo. I bus tutor, identificabili grazie a un tesserino speciale, saranno i nuovi controllori”.

Ti potrebbe interessare anche: Vaccinato con doppia dose, muore di Covid il professor Reitani, ex assessore a Udine