in

Giarrusso (Italexit) le suona a Brindisi: “Basta criminalizzare chi ha dubbi sui vaccini”

Andare controcorrente non è da più consentito da tempo, nel nostro Paese. Chi si allinea ai diktat del governo, che ha appena perfezionato il ricatto agli italiani che porta il nome di Green pass, ha diritto di parola. Per gli altri, scattano puntuali biasimo e censura. Un copione che si ripete ormai da mesi, sempre uguale, anche se per fortuna c’è anche chi, strenuamente, ancora resiste. Come il senatore di Italexit Mario Michele Giarrusso, ospite dell’ultima puntata del programma Zona Bianca, in onda su Rete 4.

Durante la trasmissione, inevitabilmente, si è trattato l’argomento più caldo di questi mesi, i vaccini e gli obblighi introdotti dal governo per spingere gli italiani ad accettare la somministrazione delle dosi. Ed è subito scattato lo scontro tra il conduttore Giuseppe Brindisi e Giarrusso, che ha esordito spiegando il perché del suo no al vaccino: “”Ho fiducia nei vaccini e nella scienza, non ho fiducia negli affaristi e nella politica che sta gestendo malissimo questa emergenza”.

Giarrusso ha poi ribadito la posizione di Italexit, il partito fondato da Gianlugi Paragone: “Noi siamo a favore della libertà dei cittadini, e contrari a chi cerca di governare questo Paese con la paura”. Parole che il conduttore Brindisi ha cercato di travisare, sostenendo che il senatore “ha paura del vaccino”. Niente di più sbagliato, come sottolineato dal diretto interessato: “Questo lo sta dicendo lei, mi mette in bocca parole non mie. Lei e le persone che fanno programmi come lei non fanno altro che cercare di instillare la paura nella gente, martellando”.

Giarrusso ha ricordato come esistano Paesi che affrontano l’emergenza “civilmente”, come il Regno Unito tornato alla normalità senza bisogno di passare da obblighi e spiacevoli ricatti a danno dei cittadini. E ancora: “Voi invece continuate a criminalizzare chi ha ancora dei dubbi, state creando un clima da guerra civile che non aiuta a superare l’emergenza”. Parole che gli utenti hanno accolto con soddisfazione sui social: “Per fortuna qualcuno le ha suonate a Brindisi”.

“Febbre, dolori, tachicardia: la mia vita rovinata dopo il vaccino”: il racconto choc di Joao

Covid, crollano i nuovi vaccinati: -41% in due settimane