x

x

Vai al contenuto

“Mi sono puntato più volte il coltello alla gola ma…”. Filippo Turetta, la verità sui giorni in fuga

Pubblicato il 23/11/2023 09:34

Tra le domande che sono circolate in questi giorni attorno alla straziante vicenda di Giulia Cecchetin, ce n’è una che finora era rimasta senza una risposta: cosa ha fatto Filippo Turetta, l’ex fidanzato responsabile dell’omicidio della studentessa, prima di essere arrestato? Il giovane era fuggito oltre confine e si era reso protagonista di un girovagare apparentemente senza senso. Soltanto in queste ore sono emersi i dettagli su quei giorni di latitanza: “Mi sono puntato più volte il coltello alla gola… avrei voluto schiantarmi” ha detto ai poliziotti tedeschi che l’hanno trovato all’interno della sua Punto nera sulla corsia di emergenza dell’autostrada Berlino-Monaco, a 180 chilometri dalla capitale. (Continua a leggere dopo la foto)
Elodie, gaffe clamorosa. Ricorda Giulia Cecchetin ma poi parte una canzone… Esplode la polemica (VIDEO)

filippo turetta coltello

Gli agenti, come ricostruito dal Corriere della Sera, avevano aperto la sua borsa marsupio e gli avevano chiesto conto di un coltello infilato dentro con un paio di guanti: “Ho ucciso la mia ragazza. Con quello volevo suicidarmi”. (Continua a leggere dopo la foto)

filippo turetta coltello

Filippo Turetta: “Mi sono puntato il coltello alla gola ma…”

Secondo la ricostruzione fornita alle autorità, in quei giorni il ragazzo aveva cercato un burrone, un viadotto, un luogo adatto per farla finita a tagliarsi la gola. Non era dunque in fuga, non aveva una vera e propria meta. Ha percorso più di mille chilometri, attraversando la pianura veneta e quella friulana prendendo poi la via della montagna per liberarsi, intanto, del corpo di Giulia, trovata rannicchiata in un anfratto roccioso vicino a Piancavallo. (Continua a leggere dopo la foto)

filippo turetta coltello

Da lì in avanti, secondo le sue dichiarazioni a caldo, sarebbero stati sei giorni di vagabondaggio a bordo dell’auto, con in tasca forse 300 euro e l’idea del gesto estremo. Quando è finita la benzina, assieme ai soldi, ha invece deciso di arrendersi, forse non avendo trovato il coraggio di farla finita.

Ti potrebbe interessare anche: “Speranza indagato per omicidio”. Scoop in diretta di Mario Giordano: “Grazie alle nostre inchieste” (VIDEO)