Vai al contenuto

Emanuela Orlandi, la rivelazione choc dell’avvocato: “Bisogna partire da lì è la pista giusta” (VIDEO)

Pubblicato il 14/06/2023 15:13 - Aggiornato il 20/09/2023 12:18

Un caso che si è improvvisamente riaperto, quello della scomparsa di Emanuela Orlandi, uno degli episodi più misteriosi nella storia del nostro Paese. Con due procure, quella italiana e il promotore di giustizia del Vaticano, che si sono rimesse al lavoro per cercare, a tanti anni di distanza, di fare finalmente luce sull’accaduto. Durante l’ultima puntata di Dimartedì, programma condotto da Giovanni Floris su La7, a tenere banco è stata proprio la sparizione della ragazza, con l’avvocato che rappresenta la famiglia, Laura Sgrò, protagonista di un intervento che ha subito avuto grande risalto. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “È caduto un tabù”. Emanuela Orlandi, cosa c’è davvero dietro le parole di Papa Francesco
>>> “Caso Orlandi, i servizi segreti e il Vaticano…”. La rivelazione choc del giornalista in Senato

emanuela orlandi pista giusta

Ascoltata in audizione al Senato, la legale degli Orlandi ha raccontato: “Il promotore di giustizia con grande sorpresa e aggiungo anche un certo dispiacere ha parlato di intromissione perniciosa da parte del Parlamento nei confronti delle indagini che aperto il Vaticano, in collaborazione con la magistratura italiana”. (Continua a leggere dopo la foto)

Il più grande rammarico di Sgrò è legato al fatto che non potrà mai ripetersi una configurazione di questo tipo, con due procure al lavoro sul caso e una commissione parlamentare a sua volta impegnata a fare chiarezza. Tanti, secondo l’avvocato, gli elementi ancora da valutare, con una pista in particolare che meriterebbe maggiore attenzione. (Continua a leggere dopo la foto)

“Mi riferisco alla pista della pedofilia – ha afferma l’avvocato di Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, e della famiglia – è una pista che è stata semplicemente chiacchierata fino a ora, ma di fatto mai indagata”. In particolare, c’è quella “conversazione che Emanuela ha avuto con una sua amica a pochi giorni dalla sua scomparsa in cui parla chiaramente di molestie sessuali. Da lì dobbiamo ripartire, da quel contesto, dalle sue amicizie, chi erano queste persone e perché Emanuela lo dice a un’amica e non ne parla con la famiglia? Io andrei a vedere questo spazio che non è stato ancora indagato”.

Ti potrebbe interessare anche: Caso Orlandi, “La commissione sarebbe un’intromissione”. Le parole choc del promotore di giustizia vaticano