in

Covid, è in arrivo un carico di vaccini. L’Europa ha già fatto tutto senza chiederci nulla

Ci risiamo, la Commissione Europea continua la sua opera di “combutta” con le case farmaceutiche per i vaccini, e programma la consegna per le dosi che dovremo inocularci a partire del prossimo autunno. Il primo accordo di consegna è stato firmato con (guarda caso) Pfizer-BioNTech. Nuovi obblighi in arrivo?
(Continua a leggere dopo la foto)

L’Europa persevera sui vaccini

Ebbene sì, la Commissione Europea ha firmato un accordo con Pfizer BioNTech per la modifica del calendario di consegna. Come riportato dall’Adnkronos, le dosi erano attese per giugno, ma questo nuovo accordo sancisce la loro consegna agli Stati membri a partire da settembre. Il rilascio andrà avanti per tutto l’autunno-inverno 2022-23, quando i vaccini esistenti dovrebbero essere stati adattati alle nuove varianti del Sars-CoV-2 in circolazione.
(Continua a leggere dopo la foto)

Sarà ancora CMA?

Lo avevano promesso e lo hanno fatto. La modalità sarà sempre la solita, in barba ad ogni regolamento i vaccini sperimentali saranno, plausibilmente, rilasciati sotto CMA, ovvero Conditional Authorization Marketing. A nulla è valso lo scandalo derivato dal modello 20-F rilasciato agli investitori del mercato finanziario, dove BioNTech ammetteva candidamente che “Potremmo non essere in grado di dimostrarne l’efficacia”. Evidentemente all’Europa poco interessa questo aspetto. L’importante è continuare le consegne e perseverare con le inoculazioni.
(Continua a leggere dopo la foto)

Altre vessazioni in arrivo

Sulla somministrazione massiva del “vecchio” vaccino i governi avevano imposto obblighi, multe, pass sanitari e ogni altro tipo di nefandezza. Chi non accettava l’imposizione di un prodotto spacciato per completamente sicuro, subiva vessazioni, insulti, discriminazioni sociali e lavorative. Ora, la casa farmaceutica produttrice, dopo aver ammesso (ma solo agli investitori) la possibilità che il proprio farmaco non venga mai approvato in forma definitiva dagli organi di controllo, a causa del concreto rischio di non riuscire a dimostrarne i termini di efficacia e sicurezza, continua imperterrita la propria opera di marketing sulla pelle dei cittadini, col placido benestare dell’Unione Europea.

Potrebbe interessarti anche: “Effetti avversi, dati manipolati. Ecco i veri numeri”: dalla Germania la ricerca choc sui vaccini

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Il muro di gomma della giustizia internazionale globalista

“Non serve a nulla!” Questa volta a dirlo è l’Istituto Superiore di Sanità. E ora come la mettiamo?