in

Coprifuoco, Patuanelli detta la linea della fermezza: nessuna speranza

Il nuovo decreto Covid, che entrerà in vigore a partire dal 26 aprile al 31 luglio, sarà sottoposto all’esame del Consiglio dei ministri – da quanto si apprende dall’Ansa- oggi pomeriggio (21 aprile) alle 17.

Nelle ultime ore è molto discussa la decisione che stabilirà l’orario per il coprifuoco. Proprio ieri riferivamo che il governo, in seguito alle proteste, stava considerando la possibilità di posticiparlo alle 23, abbandonando quella delle 22.

Ipotesi resa ancor più attendibile dalla dichiarazione rilasciata dal ministro Costa, sottosegretario alla Salute: “Nel momento in cui decidiamo di riaprire ristoranti all’aperto, cinema e teatri, credo sia ragionevole pensare a posticipare l’orario del coprifuoco. C’è un dibattito in corso, mi auguro che prevalga il buonsenso. Non credo che spostare il coprifuoco di un paio d’ore possa incidere sul contagio in maniera così devastante”. (Continua dopo la foto)

Stando a quanto riferito oggi dall’Ansa, “il governo dovrebbe mantenere il coprifuoco alle 22, anche se il presidente del FVG e della Conferenza delle Regioni conferma la proposta di spostarlo alle 23“.

Sul sito l’agenzia riferisce la dichiarazione rilasciata dal ministro dell’Agricoltura Stefano Patuanelli a Studio 24 su RaiNews, dove si legge che “ha fatto sapere che la linea del governo è quella di seguire l’indicazione del Cts”. “Ci sarà oggi il Consiglio dei ministri e il coprifuoco rimane alle 22, come deciso dalla Cabina di regia di venerdì scorso”.

Lenta e frammentata: tra le peggiori in Europa! Quanto ci costa all’anno il peso della burocrazia

Non solo conferenze: Renzi lavora per un maxi-progetto del principe saudita