in

Conte rifà il “suo” appartamento a Palazzo Chigi: conto da 23mila euro. E c’è anche una doccia massaggiante

Il Tempo ha lanciato una vera e propria bomba: il premier Giuseppe Conte ha ristrutturato il “suo” appartamento di Palazzo Chigi, impiantando una nuovissima porta blindata, l’antifurto con telecamere a colori, un impianto idrico ad hoc, e nuovi attacchi per lavatrice e lavastoviglie. È tutto? No. Aggiungiamo persiane in legno e – la vera chicca – una cabina doccia “con otto idrogetti ad effetto massaggiante”. Scrive il quotidiano romando: “Il contratto tra la Presidenza del Consiglio e Romeo Gestioni è stato firmato il 5 novembre scorso (il preventivo è del 25 ottobre). I lavori sono stati svolti subito dopo. Non si sa se il presidente del Consiglio abbia deciso di andare a vivere a Palazzo Chigi – è già accaduto che qualche notte, dopo estenuanti vertici politici, il professore rimanesse nell’edificio di Piazza Colonna – ma venti giorni fa ha deciso di modificare l’alloggio”.

“I lavori hanno previsto una spesa di quasi 23 mila euro (iva compresa). Lo staff del premier ha precisato che gli interventi erano stati decisi da tempo e non dal premier in carica anche se i documenti della Presidenza del Consiglio raccontano una vicenda diversa, recentissima, e parlano di ‘lavori di straordinaria manutenzione relativi all’adeguamento funzionale di parte del terzo piano per esigenze del Presidente del Consiglio dei ministri’. Una storia, peraltro, avvalorata dallo staff dei predecessori di Conte che hanno smentito a Il Tempo di aver mai autorizzato una ristrutturazione del genere. Il premier Gentiloni non ha quasi mai messo piede nell’appartamento e Renzi, che invece ci ha abitato nei mille giorni del suo esecutivo, sembra che abbia acquistato, peraltro a spese sue, giusto un divano letto per ospitare qualche volta i figli”.

@ Il Tempo

Scrive ancora Il Tempo: “La recente ristrutturazione ha previsto una porta blindata, con tanto di ‘occhio magico’. Si trova nel corridoio del terzo piano, accanto all’ascensore 1. Sono state realizzate anche alcune pareti divisorie in lastre di cartongesso e una tramezzatura rinforzata nel corridoio. Previste altre opere in legno e pvc e nuove persiane in legno. Sono stati sostituiti i vecchi sistemi di chiusura delle stanze 301, 302, 303, 304, 305, 338, 364 e 364d che ora hanno nuovi cilindri di tipo ‘europeo’. Non manca l’impianto antifurto e antintrusione (farà sorridere visto che ci troviamo a Palazzo Chigi) con impianti tv a circuito chiuso e telecamera a colori ad alta risoluzione”.

“Nuovi gli impianti idro-sanitari: i lavori hanno ricostruito la rete di scarico all’interno di un bagno e adeguato altri tre impianti, compresa ‘la posa dei sanitari, la rubinetteria e l’assistenza muraria’. Sono stati messi gli attacchi per lavatrice, asciugatrice e lavapiatti. Ma il pezzo forte è la cabina doccia ‘in metacrilato con base in acciaio galvanizzato, fondo antiscivolo, cristalli temperati di sicurezza scorrevoli e tettuccio trasparente apribile, 8 idrogetti regolabili ad effetto massaggiante ad azione alternata, posti in verticale sulla parete attrezzata, a 4 idrogetti dorsali, rubinetteria con miscelatore monocomando, asta, doccetta con getto regolabile, deviatore di selezione, sedile, specchio e vano portaoggetti, compresa elettropompa e serbatoi per getto costante’. Infine, il contratto ha previsto altre piccole opere, tra cui la ritinteggiatura a seguito dei lavori di adeguamento impiantistico e le necessarie demolizioni, rimozioni e trasporti in discarica”.

“Dei 18.811,58 euro (Iva esclusa) previsti, poco più di 10 mila euro sono serviti per la manodopera e 8.100 per i materiali. Con l’Iva si arriva a 22.950,13 euro. Lavori che hanno consegnato al premier un appartamento nuovo, in cui potrebbe traslocare soprattutto se fosse vera l’indiscrezione lanciata ieri da Dagospia: ‘È finita la relazione tra Giuseppe Conte e Olivia Paladino'”.

.

Ti potrebbe interessare anche: E Pompeo disse a Conte: “Prendete i caccia F-35”

Caregiver, il M5S presenta la legge per sbloccare i fondi per l’assistenza ad anziani e disabili

Paragone: “Classe dirigente non all’altezza. Ecco come andrebbe governato il Paese”