Vai al contenuto

Grida “Allah akbar” e tira fuori il coltello: paura in strada in Italia, il VIDEO choc

Pubblicato il 17/10/2023 14:39

Resta alto l’allarme in tutta Italia, di fronte al rischio di attentati terroristici. Dopo gli episodi drammatici delle ultime ore, con un professore ucciso a coltellate in Francia e una coppia di turisti vittima di una sparatoria nel centro di Bruxelles, in tutte le principali città sono state aumentate le misure di sicurezza. A far paura è la situazione attorno al prossimo incontro della Nazionale di calcio, ospite dell’Inghilterra per una partita valida per le qualificazioni agli Europei: le autorità britanniche hanno già fatto sapere di aver intensificato i controlli. Nel frattempo, attimi di vero terrore sono stati registrati a Torino, dove un uomo, esagitato, ha spaventato i passanti armato. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Terrorismo, la profezia di Caracciolo: “Più che un rischio, una certezza”. Cosa dobbiamo aspettarci (VIDEO)

coltello torino video

Come riportato da Open, l’uomo sarebbe un nordafricano sulla trentina. Probabilmente sotto effetto di alcol o droghe, è sceso in strada in stato di evidente alterazione urlando frasi sconnesse, mentre brandiva un coltello. Tra le parole pronunciate, anche il motto”Allah akbar”. (Continua a leggere dopo la foto)

coltello torino video

Per fermarlo gli agenti delle volanti della polizia hanno dovuto utilizzare il taser. Parte della scena è stata immortalata in un video pubblicato sul portale Welcome To Favelas e poi diffuso sui social. L’uomo è passato anche vicino alla sinagoga ma non è entrato. (Continua a leggere dopo la foto)

coltello torino video

In quel momento, però, l’allarme era già scattato. Alcuni passanti, presi dal panico, si sono rifugiati nei negozi. Come da procedura, una volta fermato l’uomo è stato portato prima in ospedale e poi in questura, per l’adozione di eventuali provvedimenti.

Ti potrebbe interessare anche: “Ecco chi finanzia i terroristi”. Toni Capuozzo a muso duro. Tutta la verità dell’ex inviato di guerra