Vai al contenuto

Chiara Ferragni, altra botta clamorosa: l’annuncio ufficiale e le conseguenze per l’influencer

Pubblicato il 05/01/2024 12:05 - Aggiornato il 05/01/2024 13:34

Sembra quasi che Chiara Ferragni sia precipitata in un pozzo senza fondo, un incubo dal quale è difficile svegliarsi e nel quale si continuano a susseguire orrori su orrori. Neanche il tempo di mostrarsi senza trucco, in pigiama, per chiedere scusa ai follower dopo il pandoro-gate, che ecco infatti esplodere l’ennesima grana: come raccontato da Libero Quotidiano, “la Coca Cola ha mandato all’aria l’accordo per uno spot che sarebbe dovuto andare in onda a fine gennaio con protagonista Chiara Ferragni”. L’idea originale era quella di sfruttare la vicinanza temporale con il Festival di Sanremo (6-10 febbraio), che l’anno scorso l’aveva vista protagonista con il marito Fedez. (Continua a leggere dopo la foto)
“E allora il vostro sindaco con la pistola?” Donzelli umilia così Malpezzi (Pd) a Dritto e Rovescio (VIDEO)

chiara ferragni coca cola

Le sanzioni dell’Antitrust nei confronti della Balocco per la pubblicità ingannevole del pandoro che faceva intendere che tutti i proventi sarebbero andati in beneficenza, ma anche le multe comminate ad alcune aziende dell’influencer come (Fenice e Tbs Crew), avrebbero “pesato come un macigno” sulla decisione del colosso che produce la Coca Cola. Che alla fine ha optato per un passo indietro. (Continua a leggere dopo la foto)

Libero ha ricordato come la prima a tagliare i ponti era stata Safilo, che lo scorso 21 dicembre aveva dato disdetta al contratto di licenza per gli occhiali a marchio Ferragni, firmato nel marzo del 2021. Il rischio che altri marchi possano seguire lo stesso esempio, come fatto in queste ore da Coca Cola. (Continua a leggere dopo la foto)

chiara ferragni coca cola

Dalla parte di Chiara Ferragni si è invece schierato il gruppo di cartoleria Pigna. “Il nostro stile aziendale ci portano a guardare verso il futuro, con l’auspicio che l’attuale non facile contesto possa essere superato” ha spiegato l’azienda a Repubblica.

Ti potrebbe interessare anche: “Stangata in arrivo per gli automobilisti”. Chi dovrà pagare di più (e perché) nel 2024