Vai al contenuto

“Caro anno, non mi togliere nessuno”. Il post, poi il malore improvviso: l’assurda tragedia di Capodanno

Pubblicato il 03/01/2024 14:54 - Aggiornato il 03/01/2024 16:44

“Caro anno non mi portare niente, basta che non mi togli nessuno”. Scrive questa parole su Facebook, poche ore dopo il compagno muore per un malore improvviso. Succede tutto nella notte di Capodanno, quando Pierpaolo Colapinto, giovane originario di Mesagne, in provincia di Brindisi, si è spento per sempre. Pierpaolo stava trascorrendo le feste presso la casa della compagna a Manduria. Era di fronte ai fornelli per preparare il Cenone di Capodanno organizzato da amici quando ha improvvisamente iniziato a sentirsi male. Per cercare di riprendersi, è rientrato a casa, facendo una doccia nel tentativo di recuperare energie. Inizialmente, sembrava che le sue condizioni migliorassero, tuttavia la tragedia si è consumata velocemente. Pierpaolo è stato trovato privo di vita sul pavimento della camera da letto. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Restate a casa”. Polveri sottili nell’aria, scatta l’allarme: l’annuncio ai cittadini, cosa sta succedendo
>>> “Un inferno”. Scontro tra due aerei: il VIDEO dell’incidente choc

Nonostante i soccorsi siano giunti tempestivamente e siano state effettuate immediate manovre rianimatorie, ogni sforzo è risultato vano. I medici, intervenuti con urgenza dalla vicina Manduria, hanno tentato un disperato trasporto in ospedale, ma purtroppo Pierpaolo Colapinto era già deceduto da alcuni minuti. La fidanzata, un’operatrice socio sanitaria presso l’Ospedale Camberlingo di Francavilla Fontana, è ancora sotto choc. Solo poche ore prima aveva scritto sui social quel messaggio ben augurante per il nuovo anno. Nella sua comunità è calata la tristezza per la prematura scomparsa di un altro giovane. Pierpaolo aveva solo 32 anni. L’autopsia appurerà le cause della morte. L’ennesimo malore improvviso che si porta via l’ennesimo giovane.

Ti potrebbe interessare anche: Addio al “reso gratis”: quanto ci costerà e come cambia restituire un prodotto. Rivolta dei clienti online