Vai al contenuto

Cambio di rotta, i Delivery e le multinazionali festeggiano

Pubblicato il 07/01/2022 22:54 - Aggiornato il 07/12/2022 18:20

di Barbara Ambrosi

Nuova impennata di incassi per i colossi, grazie alla manovrina di Draghi, che ha rinchiuso, impaurito e terrorizzato le persone gonfiando la nuova variante Omicron, portando le stesse al rinchiudersi in casa.

Negozi, bar, ristoranti violati dalle mille normative, ormai sono vuoti ed al collasso.

La corsa al risparmio si è però riversata sulle piattaforme che, grazie a ciò, hanno incrementato i propri incassi, primeggiando ancora una volta a discapito di chi con fatica ha affrontato questi due lunghi anni di pandemia.

Draghi sta raggiungendo l’apice del suo successo verso il declino di un’Italia che, ormai stanca sotto il peso di nuovi e continui appositi DL, si accascia sempre più verso il fondo  del fallimento.

Nonostante le numerose richieste da parte di ogni categoria, dal turismo al ristoratore, passando da ogni tipo di commercio artigianale, il caro Draghi prosegue su una linea dura piegando sempre più il popolo e le imprese..

Il Presidente si è così rivelato un piccolo uomo con un EGO GIGANTESCO, che pur di salvarsi la faccia, affonda sempre più la lama del suo volere, calpestando ogni virgola della Costituzione, ledendo diritti e estorcendo, sotto ricatto, qualsiasi forma di dignità umana. 

Un uomo che rappresenta ormai una piaga  putrefanda di un Governo che non ha minimamente né un’Anima né un Cuore verso un popolo ormai devastato da mille soprusi.

Grazie a lui le serrande delle attività iniziano ad abbassarsi sempre più costantemente, lasciando spazio ad un mondo effimero a favore di ricchi e potenti e alla catena delle multinazionali che sfruttano e cavalcano il momento con grande entusiasmo.

Gli unici ad aver festeggiato un nuovo anno con le tasche piene di guadagni.

In questo momento così affranto e delicato dove ogni forma di vita, dalle attività alle persone, si cerca uno spiraglio di luce verso una ripresa che ritarda ad arrivare, sarebbe, 

forse opportuno, in questo momento storico,  rialzare la testa e le serrande di tutte le attività che forzatamente inducono ad abbassare, e con una presa di consapevolezza, scavalcando ogni norma, ricominciare a fare vita al Paese.