Vai al contenuto

Brindisi ci ricasca. Il conduttore di Zona Bianca inveisce (ancora) contro i “no-vax”

Pubblicato il 28/02/2022 21:13

Giuseppe Brindisi, giornalista, Capo Redattore a NewsMediaset, conduttore di TG4 e Zona Bianca. Titoli che lasciano il tempo che trovano quando si tratta di “eleganza”. Il caro Giuseppe, infatti, risulta avere una certa confidenza con le cadute di stile, avendo come unica fissazione gli odiati “no vax”. Probabilmente se li sogna anche la notte.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il tweet incriminato

«Leggi i deliri dei disagiati No Vax (e dei loro ideologi primatisti, patriarchisti, patrioti, fascisti etc etc). Scopri che inneggiano tutti all’invasione russa dell’Ucraina. E hai la certezza di essere dalla parte giusta della barricata.» scrive l’infervorato conduttore Mediaset, non creandosi il minimo problema nell’attribuire un pensiero soggettivo ad una categoria che comprende qualche milione di persone.
(Continua a leggere dopo il tweet)

Errare è umano, perseverare è Brindisi

Ma, come dicevamo, l’intrepido draghiano Brindisi non è nuovo a certe sparate. Infatti per il conduttore di Zona Bianca i “no vax” non solo sono dei “disagiati“, ma anche – citando testualmente – una “poltiglia informe di massa cerebrale spiaccicata fortunatamente vicino all’estinzione“. Quando si sente generoso il conduttore rimane abbastanza morigerato, usando appellativi faunistici come “delle capre e in genere dei somari“, mentre a volte, dopo essersi svegliato male, è sua usanza rivolgersi ai non vaccinati col simpatico appellativo di “bestie immonde“.
(Continua a leggere dopo la foto)

Insomma al buon Brindisi i “no vax” devono aver combinato davvero qualche grosso guaio, altrimenti non si spiegherebbe questo accanimento verso degli onesti cittadini, lavoratori, padri di famiglia, nonni e adolescenti la cui unica colpa è non aver dato ascolto al Governatore Draghi ed alla sua compagine di espertoni.

Potrebbe interessarti anche: “Dopo le restrizioni record di contagi.” Il caso Nuova Zelanda fa tremare i governi di tutto il mondo