in

“Bloccati i beni italiani”: scatta la reazione di Putin alle sanzioni, cosa succederà ora

Pubblicato il 10/08/2022 11:51

Si è parlato per mesi delle possibili conseguenze delle sanzioni introdotte da Stati Uniti e Unione Europea nei confronti di Vladimir Putin, a seguito dell’invasione dell’Ucraina. Una risposta, quella del Cremlino, arrivata puntuale, con il premier russo che ha firmato in queste ore un decreto che impedisce ai cosiddetti “Paesi ostili”, tra i quali anche l’Italia, di vendere pacchetti azionari nei settori dell’energia e delle banche fino alla fine dell’anno.

La lista dei gruppi e degli asset “congelati” non è ancora stata resa ufficialmente nota, e soltanto nei prossimi giorni si avranno certezze. Come anticipato dal Messaggero, però, nel mirino dovrebbero finire il gigante americano ExxonMobil, che stava portando avanti l’uscita dal costoso progetto Shakalin-1, e in misura minore anche giapponesi e indiani. Per quanto riguarda l’Italia, nella stretta sull’energia rientrerebbe anche l’Enel.

Sarebbe infatti temporaneamente congelata “l’uscita degli azionisti stranieri da gran parte dell’industria energetica, con riferimento in particolare al già annunciato accordo per la cessione da parte del gruppo italiano a Lukoil e al fondo Gazprombank-Frezia della sua partecipazione del 56,43% in Enel Russia (che possiede tre centrali da 5,6 GW e due parchi eolici)”.

Nessuna decisione sarà ufficiale finché non sarà diffuso l’elenco delle società colpite dal divieto, con l’ultima parola che spetterà in ogni caso a Putin, ma è chiaro che per Enel non si tratti di una buona notizia: la società aveva comunicato a giugno di aver trovato l’intesa per l’uscita dalla Russia sulla base di un’operazione da 137 milioni di euro, per la quale è però ancora oggi in attesa del via libera da Mosca.

Ti potrebbe interessare anche: “Mi sono fidata dei dottori, ecco cosa è successo al mio corpo”: vaccini, il dramma di Aidi dopo la seconda dose

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Mascherine a scuola, altro che rivoluzione: ecco il “trucco” per costringere i nostri ragazzi a indossarle ancora

“Stop al vaccino per i minori”: la clamorosa decisione che mette in imbarazzo Draghi e Speranza