Vai al contenuto

Ancora aumenti! Pessima notizia per chi fuma: italiani su tutte le furie

Pubblicato il 23/11/2022 19:16

Il governo Meloni sta operando per mettere a punto varie riforme. Manovre che richiedono soldi, e che in qualche modo devono essere finanziate. Ecco spuntare allora l’ipotesi degli aumenti sul prezzo delle sigarette. La notizia sta facendo il giro del web e proprio in queste ore e sta già facendo discutere tantissimi italiani. Come riferisce il sito Money in un suo articolo di ieri, c’era inizialmente stata un po’ di indecisione da parte dell’esecutivo a trazione meloniana, considerato che l’aumento delle “bionde” avrebbe potuto causare problematiche legate all’inflazione. Ma ora si sarebbe giunti alla drastica decisione: a partire dall’anno prossimo (dunque tra due mesi) il governo di centrodestra avrebbe deciso di intervenire incrementando il prezzo delle sigarette.

Stando a quanto riferisce Today, il governo Meloni avrebbe scelto di aumentare il prezzo delle sigarette nel 2023. A subire il “ritocco” saranno le accise sul tabacco, che rappresentano la somma tra la componente fissa e quella proporzionale al momento della vendita. E c’è anche la presenza di un’aliquota pari al 59,8%. Ma non solo, perché sarebbero in cantiere anche alcune novità per quanto riguarda la cannabis light. La cosiddetta “erba legale” potrebbe passare a subire una tassazione pari al 15%, rispetto al 5% attuale, per la vendita della stessa. Chiaramente si attendono ancora tutte le ufficialità del caso ma, secondo le fonti, la direzione sembrerebbe ormai presa.

Secondo quanto riportato da Money, poi, il ministero dell’Economia e delle Finanze avrebbe confermato recentemente che l’Italia otterrà 138 milioni grazie ali rincari sulle sigarette. Questo benché non siano ancora arrivati maggiori dettagli sul costo per la vendita, dunque l’aumento rimane per ora indefinito. I fumatori dovranno attendere presumibilmente qualche giorno, prima di comprendere esattamente quanto dovranno sborsare per le loro “bionde” a partire dal gennaio 2023.

Potrebbe interessarti anche: “Traditori!”, Orsini scatenato contro la deputata PD. Rissa furiosa negli studi Rai (VIDEO)