in

Ricordate i Responsabili per Conte? Ecco cosa fanno adesso i “fregati”

Ve li ricordate i Responsabili? È passata poco più di una settimana eppure sembra sia già un’era geologica. Quando Polverini e Ciampolillo conquistavano tutte le pagine di giornali e tv. E adesso? Scomparsi, come il premier che li aveva disperatamente cercati per salvarsi la poltrona. L’irruzione di Mario Draghi con il suo incarico presidenziale ha scombinato tutto. E l’intero gruppo di “voltagabbana” (come li avrebbe definiti il M5S delle origini, salvo rimangiarsi pure quello) è finito nel dimenticatoio. E cosa succede alle loro carriere politiche ora? (Continua a leggere dopo la foto)

Alessandro Giuli su Libero scrive così: “Effigiati come una figura retorica dall’ex grillino Lello Ciampolillo, il senatore che sconfiggerebbe il Covid con la dieta vegana, hanno vissuto i loro giorni di celebrità autoproclamandosi ‘Costruttori’ e immaginando per sé un ruolo salvifico da ricompensare con le più alte onorificenze. Guidati idealmente dal centrista Bruno Tabacci, il più sveglio della banda e non per caso l’unico destinato a sopravvivere all’impresa squinternata, i Responsabili si erano raggrumati da diverse latitudini con la medesima volontà di trasformare lo spettro delle elezioni anticipate nell’ occasione di una carriera fulminea”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: “Torniamo padroni del nostro destino: cancelliamo il debito della Bce”, l’appello degli economisti di tutta Europa

L’ex berlusconiana Sandra Lonardo, moglie dell’intramontabile Clemente Mastella, Maria Rosaria Rossi, Luigi Vitali, Andrea Causin, Riccardo Nencini, Renata Polverini… “Ciascuno di loro – scrive Giuli – ha immaginato di regolare conti pregressi con il proprio passato (la Rossi con il suo “ex badato” Silvio Berlusconi); di sfangare la legislatura ritagliandosi un percorso nomadico sempre premiante (Causin passato dal Pd a Forza Italia e infine ai centristi per Conte); di tornare al vecchio ovile senza abbandonare del tutto il nuovo (il socialista Nencini che ha votato la fiducia a Conte accanto al Pd senza rompere con Italia Viva di cui è socio contraente con tanto di simbolo)”. (Continua a leggere dopo la foto)

Sparite le telecamere, usciti dal cono di luce mediatico che ne illuminava i sorrisi enigmatici e ne scandagliava più o meno improbabili curricula, “dei Responsabili non resta che il rarefatto ricordo, come il bagliore di un sogno interrotto nel dormiveglia. Ma a ben vedere, sia pure loro malgrado, nel piccolo pascolo trasformista resta intatta una non trascurabile greppia consolatoria: quei circa 350mila euro di stipendio ancora da intascare da qui a fine legislatura”.

Ti potrebbe interessare anche: “Torniamo padroni del nostro destino: cancelliamo il debito della Bce”, l’appello degli economisti di tutta Europa

Lagarde avverte, lo statuto Bce non si cambia: “Cancellare il debito? Inconcepibile”

#salvinieuropeista spopola in rete. Da destra a sinistra l’ironia sulla svolta del Capitano