in

“Torniamo padroni del nostro destino: cancelliamo il debito della Bce”, l’appello degli economisti di tutta Europa

Lo abbiamo sempre detto: le regole imposteci dalla gabbia europea hanno portato l’Italia a immani perdite. I benefici? Nessuno. Mentre gli italiani vedevano sgonfiare le proprie ricchezze, solo alcuni tra gli Stati membri ne hanno beneficiato. La Germania è, di questo, un esempio impeccabile.

I continui tagli che si sono susseguiti durante il corso degli anni in nome della follia europeista di rientrare nel debito, ha comportato il depauperamento dei sistemi del nostro Paese: il sistema sanitario, il sistema scolastico, il sistema delle infrastrutture e dei trasporti e non solo. A pagare queste scelerate regole cittadini e piccole e medie imprese.

Qualcuno finalmente sta iniziando a rendersi conto delle condizioni disastrose della realtà in cui ci ritroviamo e chiede che la follia si fermi. L’appello di oltre 100 economisti è chiaro e diretto: “Cancelliamo il debito detenuto dalla Bce e torniamo padroni del nostro destino”. Parte dalla Francia ma sta riscuotendo notevole successo e raccogliendo adesioni in tutta Europa.

Tra i firmatari che stanno aderendo alla petizione, il Fatto quotidiano cita, Thomas Piketty e una ventina di economisti italiani tra cui Nicola Acocella e Leonardo Becchetti. Inoltre a dare sostegno dell’appello vi sono esponenti accademici anche da Germania, Irlanda, Belgio, Spagna, Svizzera, Grecia, Svezia, Portogallo, Ungheria e Gran Bretagna. Tutti chiedono la medesima azione: “la cancellazione dei debiti pubblici statali detenuti dalla Banca centrale europea”, ovvero la monetizzazione del debito. Esattamente come farebbero, possono fare, fanno e hanno fatto Giappone o Stati Uniti. Altro che bonus monopattino, bonus di 600euro, Cig che non arriva mai, “potenze poderose di fuoco” che non accenderebbero nemmeno un cerino, imprese che chiudono e lavoratori che perdono il lavoro (ricordiamo ogni ora 50 persone restano a casa).

Gli oltre 100 economisti estensori del documento ritengono che quanto è stato fatto finora dall’Unione europea sia insufficiente e inadeguato alle esigenze che si sono presentate e chiedono che il debito venga eliminato. Nella soluzione individuata dal gruppo di esperti, dunque, si evince chiaramente che il fardello che ci trasciniamo dietro è quello del debito pubblico e che questo rappresenti il grosso limite che impedisce ai Paesi di essere “padroni del proprio destino”. Lo scenario delineato dalla pandemia è paragonabile a quello generato dal conflitto globale e autorizza interventi straordinari, proprio come straordinaria fu la cancellazione dei due terzi dei debiti tedeschi, ritengono e sottolineano i firmatari.

Ma il teatrino europeo, dove chi conduce gli atti che vanno in scena bada a ben noti ed esclusivi interessi, non è disposto a piegarsi. Gli interessi di pochi sono troppo forti e più forti rispetto a tutto il resto.

Come possiamo continuare a far affidamento all’assurdo meccanismo costruito dall’Europa se proprio questa Europa, in nome della stabilità del debito, degli interessi di taluni Paesi, lascia che uno Stato deperisca lentamente e smantelli i propri pilastri fondamentali e necessari per fornire e garantire perfino i servizi fondamentali?

La colpa è anche della politica italiana che finora ha consentito che tutto ciò avvenisse e che ha costretto l’Italia a inginocchiarsi e a mettere le sue eccellenze in svendita. Per questo serve uno Stato forte che ritorni ai propri pieni poteri, alla propria sovranità monetaria. Altro che Europa e cancellazione del debito della Bce figlia dell’istituzione che ci ha portato giù nei fondali del nostro mare.

La Lega vuole Salvini ministro nel governo Draghi

Lagarde avverte, lo statuto Bce non si cambia: “Cancellare il debito? Inconcepibile”