in

Esplode lo Pfizergate: “Test sul vaccino pieni di errori e scorretezze”. Lo scoop di Report

Pubblicato il 29/11/2021 11:46

Test svolti seguendo procedure poco corrette. E che hanno portato, tra gli osanna di tutti, all’approvazione del vaccino Pfizer, lanciato in fretta e furia sul mercato per contrastare la pandemia di Covid, con lautissimi guadagni per l’azienda farmaceutica americana. A rivelare come si è svolta realmente la sperimentazione del farmaco è Report, che grazie alla collaborazione con il British Medical Jornalism ha ricostruito i passaggi andati in scena negli ultimi mesi. Arrivando a parlare addirittura di “Pfizergate”.

“Pfizer ha sempre difeso il rigore della sperimentazione sul vaccino – ha spiegato Report – adesso però arrivano le rivelazioni su quanto accadeva nell’estate 2020 in Ventavia, una società americana specializzata che aveva condotto una parte dei test per conto di Pfizer”. Nello specifico una serie di documenti interni, che non riguardano la sicurezza del vaccino, hanno mostrato “deviazioni dal protocollo e cattive pratiche durante i test”.

Tabelle con numeri che non corrispondono, per esempio, con cifre a caso riportate ufficialmente. E poi “aghi gettati nei contenitori sbagliati, vaccini conservati a temperature scorrette, pazienti non monitorati dopo l’iniezione”. Secondo Report, anche il principio fondamentale del trial (né pazienti né medici dovevano sapere in anticipo chi aveva ricevuto il vaccino e chi un placebo) alla fine sarebbe stato messo a rischio. Una tesi confermata dall’ex ricercatrice di Ventavia Brook Jackson: “Mi sono accorta subito che qualcosa non andava. La situazione era caotica e pericolosa per lo staff e i partecipanti alla sperimentazione”.

Jackson aveva parlato ai superiori delle sue preoccupazioni, finendo però per essere messa sotto accusa dai vertici di Ventaria e licenziata. L’azienda non ha voluto replicare alle rivelazioni di Report, limitandosi ad assicurare di aver svolto “controlli rigorosi”. L’Ema, l’Agenzia del Farmaco Europea, è invece intervenuta sulla questione assicurando che in ogni caso la sicurezza del vaccino Pfizer “non è in discussione”. Ventavia continua in ogni caso, ancora oggi, a lavorare alle sperimentazioni sui vaccini.

Ti potrebbe interessare anche: Propaganda Live, bufera su Makkox per un tweet volgare e sessista

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

La bufala della vittoria in Svizzera del referendum “pro Green pass”

Variante Omicron, Goldman Sachs stoppa Big Pharma: “Basta panico”