in

Elettricità e gas, arriva la stangata: ecco quando scatteranno gli aumenti (salatissimi)

Finita l’estate, per gli italiani è il momento di fare i conti con le sorprese, tutt’altro che piacevoli, preparate loro dal governo Draghi. Non solo il tanto discusso obbligo vaccinale, mascherato sotto forma di quel Green pass che è di fatto una costrizione a tutti gli effetti, ma anche una vera e propria stangata in arrivo sul fronte bollette, nonostante le tante promesse di rapidi interventi in merito fatte in questi mesi. E invece ecco che l’Arera, l’Autorità di regolazione per l’energia, ha comunicato che nel prossimo trimestre (ottobre-dicembre) l’elettricità aumenterà del 29,8% e il gas del 14,4%.

Il calcolo è fatto su famiglia tipo in regime di maggior tutela. La data da segnare in rosso sul calendario è quella di venerdì 1 ottobre, quando saranno ufficialmente guai per tutti: sempre secondo Arera, infatti, per l’elettricità nel 2021 la spesa annuale per la famiglia-tipo sarà di circa 631 euro, con una variazione del +30% rispetto al 2020 (corrispondente ad un aumento di circa 145 euro su base annua).

Non andrà meglio sul fronte gas, con la spesa annuale della famiglia-tipo per la bolletta che nel 2021 sarà di circa 1.130 euro, con una variazione del +15% circa rispetto al 2020 (corrispondente ad un aumento di circa 155 euro su base annua). Una batosta non da poco per famiglie reduci da mesi e mesi di restrizioni, sacrifici, rinunce. E ora alle prese con l’ennesimo aumento di spese.

Secondo un studio dell’Unione nazionale consumatori, per una famiglia tipo, significa spendere su base annua (non, quindi, secondo l’anno scorrevole, ma dal 1° ottobre 2021 al 30 settembre 2022, nell’ipotesi di prezzi costanti), 184 euro in più per la luce e 171 euro per il gas. Una maggior spesa complessiva pari, quindi, a 355 euro. “

Ti potrebbe interessare anche: La Sicilia torna in giallo? Per l’assessore Razza la colpa è dei non vaccinati

Muoiono congelati nel deposito di azoto liquido: il dramma di due operai

Il Giappone revoca lo stato d’emergenza. In Italia, invece, il governo non ci pensa nemmeno