in

“Insostenibile”, il presidente dei virologi lancia l’allarme sui richiami dei vaccini

Pubblicato il 29/12/2021 08:43

Il professor Arnaldo Caruso è presidente della Società italiana di virologia e direttore del Laboratorio di microbiologia dell’Asst Spedali Civili. Ed è proprio lui, in qualità di “presidente” dei virologi a lanciare un allarme sulla campagna di vaccinazione: “Solitamente le vaccinazioni lasciano una memoria immunitaria lunga, ma con un virus così mutato l’antidoto – calibrato su ceppi precedenti – perde efficacia in fretta: è necessario sequenziare i patogeni in modo massiccio per aggiornare le fiale prima che le nuove varianti siano incontrollabili. Fare tre vaccinazioni all’anno non è sostenibile”. (Continua a leggere dopo la foto)

Una vera bordata ai continui richiami vaccinali imposti da Big Pharma e dal governo. Argomenta Caruso: “I dati clinici dicono che l’efficacia c’è, molto sui giovani, meno su fragili e anziani. Ma tutto dipende dall’intensità della risposta immunitaria personale. La terza dose, in genere, comincia a perdere forza entro 4-6 mesi”, avverte il professore in una intervista al Giorno. “Una quarta dose dello stesso vaccino, con Omicron molto mutata e che può mutare ancora, non è auspicabile. Serve, per il nuovo richiamo, tra 4-6 mesi un antidoto che sia confezionato anche sulla proteina variante di Omicron”. (Continua a leggere dopo la foto)

Spiega Caruso: “Abbiamo un prodotto formulato su una sola proteina Spike della vecchia variante, mentre il virus è molto mutato. Gli anticorpi per contattare tutte le mutazioni devono essere tanti e molto attivi, ed ecco che parliamo della quarta dose. Senza un vaccino calibrato su tutte le varianti, siamo costretti a tante iniezioni. Ma ciò non può andare avanti all’infinito”, ribadisce Caruso. Infine Caruso spiega quale sarà il vero problema nei prossimi mesi: “Il rapido succedersi di varianti lascia aperta l’ipotesi endemica”. (Continua a leggere dopo la foto)

Conclude Caruso: “Bisogna, però, scoprire sul nascere i nuovi ceppi con un sequenziamento mondiale, così da produrre subito vaccini aggiornati. Per uscire dalla pandemia bisognava vaccinare il mondo, ma non è possibile perché rincorriamo il virus. Dunque, non resta che immunizzare più gente possibile, mentre le infezioni proseguono ma con un virus che perde forza: fra anni e anni avremo una sorta di immunità di gregge mondiale”.

Ti potrebbe interessare anche: Usa, vaccinata incinta, il neonato muore subito dopo il parto: la denuncia dei genitori

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Basta con la dittatura dei talk show contro i no vax”: l’appello di Celentano

Mascherine Ffp2 introvabili. Ecco quanto sono arrivate a costare