in

Abrignani (Cts): “Pronti alla terza dose”. Ecco quando scatterà il richiamo per tutti gli italiani

L’immunologo Sergio Abrignani, componente del Cts (Comitato tecnico scientifico), intervistato dal Corriere della Sera lancia la terza dose di vaccino in Italia e cita l’esempio di Israele, dove in questi giorni hanno dato il via alla terza iniezioni anche ai 12enni. Dice Abrignani: “Finiamo di immunizzare entro ottobre l’80 per cento dei vaccinabili, dopodiché si penserà alla terza dose a fine anno o all’inizio del prossimo”. C’è anche la data, dunque, per il terzo richiamo agli italiani. Inizialmente ci avevano detto che sarebbe bastata una dose, poi due, ora tre e chissà se si arriverà persino a una quarta. (Continua a leggere dopo la foto)

“A distanza di mesi dalla somministrazione – spiega Abrignani – la protezione del vaccino diminuisce ma si mantiene comunque alta”. E parlando proprio di Israele aggiunge: “Si comincia a osservare che i vaccinati dopo 6-10 mesi si infettano più che dopo tre mesi, quando l’efficacia dei composti anti Covid è al 95 per cento. Successivamente si abbassa all’80-85% nella capacità di evitare forme gravi di malattia e infezione”. (Continua a leggere dopo la foto)

Chi avrà la priorità per la terza dose? “I sanitari dovrebbero essere i primi e uso il condizionale – risponde Abrignani -. Assieme ai fragili, ai pazienti persone con deficit del sistema immunitario o in chemioterapia. Poi si passerà agli over 60”. L’immunologo prova anche a spiegare questi continui cambi di strategie e di tempistiche, ammettendo, di fatto, che è tutta un’improvvisazione: “Stiamo vivendo in diretta l’evoluzione di un virus che muta abbastanza e genera varianti. Siamo noi che inseguiamo lui”. (Continua a leggere dopo la foto)

E sulla durata del Green pass, la cui validità sarebbe prorogata da 9 a 12 mesi, conclude Abrignani: “Le persone vaccinate per prime a gennaio, i medici, a settembre ottobre saranno a 9 mesi dalla doppia dose e tecnicamente il loro green pass non sarebbe più valido, dunque è ragionevole prevedere una proroga a 12 mesi. La protezione del vaccino diminuisce ma si mantiene comunque alta”.

Ti potrebbe interessare anche: CostaVolpara, la band che spopola sui social dopo il No ai concerti in cui si richiede il Green Pass

Tremonti: “L’Italia? Le toccherà un ruolo da centralinista”. E stronca il governo Draghi

I numeri che il governo ci nasconde per difendere l’obbligo vaccinale