in

Lavoro, pronte 15mila offerte per i giovani. Cyber security, blockchain e ethical hacker

C’è un intero mercato nel mondo del lavoro che sta vivendo un vero e proprio fermento. Parliamo di tutte quelle figure professionali del mondo Ict, come gli esperti di cyber security, blockchain e gli ethical hacker. Da un lato skills digitali, laurea Stem, profonda conoscenza della nuove tecnologie. Dall’altro abilità tecniche, diploma “professionalizzante”, forte manualità.

Ci sono al momento circa 15mila annunci di lavoro nella bacheca virtuale di Monster Italia, società specializzata nel recruiting online. “Il trend sul 2018 – spiega la marketing manager Elisa Schiavon al Sole24ore – è positivo per tutte le figure del mondo Ict, come gli esperti di cyber security, blockchain e gli ethical hacker”.

Altri filoni in espansione sono quello green e l’universo social. E quali titoli di studio possono aiutare per entrare in questo mondo? “Ingegneria informatica, meccatronica e gestionale – dice Schiavon – sono i titoli più gettonati, ma anche statistica e matematica per l’avvento dei Big data“. La vera lacuna è su data scientist e specialist: ”Le azienda fanno ancora fatica a trovare queste figure – dice Schiavon -: spesso si privilegiano i candidati con buone soft skill e si costruiscono quelle hard con la formazione interna”.

Dei 15mila annunci di Monster, il 15% è nel manufacturing. “C’è ancora molta richiesta di tecnici e operai specializzati per i quali il diploma garantisce carriere di tutto rispetto”. E alcuni profili – saldatori, meccanici, fabbri – sono oggi introvabili in un caso su due.

.

In forte crescita è la richiesta di laureati scientifici per nuovi sbocchi: robotic process automation, machine learning, data scientist. La selezione è un puzzle con tante tessere – gamification, test online, challenge, business case – e si compone di momenti diversi, dal colloquio di gruppo agli incontri individuali con il recruiting team e i manager di progetto.

Nell’advisory – consulenza direzionale – gli ambiti vanno dall’Ict al risk consulting. Nei servizi fiscali e legali ci sono chance per commercialisti/avvocati o praticanti. E anche nel settore bancario, l’arrivo di “quota 100” che consente di andare in pensione con 62 anni di età e 38 di contributi fino al 2021 sta accelerando il turnover in alcuni istituti. Quindi, forza: spazio ce n’è, bisogna sapere andare a conquistarlo.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/lavoro/lavoro-disoccupazione-tasso-basso/

Le bollette a 28 giorni sono illegali, ora c’è diritto al rimborso. Ecco come fare

L’Ecobonus manda in rivolta le imprese: perché è giusto stare dalla parte delle PMI