in

Rifiuti, i fondali italiani sono una discarica: il 75% è plastica. L’ultimo allarmante studio: abbiamo toccato il fondo

Abbiamo toccato il fondo. È il caso di dirlo: il mare italiano è una discarica. Di plastica soprattutto. A cominciare dal nailon delle reti stracciate e dai galleggianti di polietilene che non galleggiano più. Le concentrazioni più alte di spazzatura sono nel mar Ligure, nel golfo di Napoli e davanti alle coste della Sicilia. Raccolte in Adriatico 194 tonnellate in 6 anni. Il 75% dell’immondizia marina è plastica. Lo dice uno studio condotto dai ricercatori dell’Ispra.

Il mare di Sicilia, con 786 oggetti rivenuti e un peso complessivo superiore ai 670 chili, conferma la sua collocazione tra le discariche sottomarine più grandi del Paese, seguita dalla Sardegna con 403 oggetti nella totalità delle 99 cale e un peso totale di 86,55 chili.

La situazione varia da area ad area e in base alle zone monitorate: nei fondali rocciosi, dai 20 ai 500 metri di profondità, le concentrazioni più alte di rifiuti sul fondo si rilevano nel Mar Ligure (1.500 oggetti per ogni ettaro), nel golfo di Napoli (1.200 oggetti per ogni ettaro) e lungo le coste siciliane (900 oggetti per ogni ettaro).

Si stima che complessivamente ogni anno circa 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono in mare, di cui il 7% nelle acque del Mediterraneo. I risultati emersi dal monitoraggio condotto dall’Ispra, nell’ambito del progetto europeo Med Sea Litter negli anni 2017 e 2018, mostrano i trend e i range di densità dei macrorifuti galleggianti in alto mare, vicino la fascia costiera, e vicino la foce dei fiumi.

La foce dei fiumi presenta il maggior quantitativo di rifiuti galleggianti (più di mille oggetti per chilometro quadro) e vicino la costa ci sono tra i 10 e i 600 oggetti per chilometro quadro di mare. Più ci si allontana in mare aperto e più il numero di oggetti scende a 1 – 10 per chilometro quadro.

Allarmante la situazione dei fondali italiani: nella regione adriatico-ionica la media degli scarti rinvenuti supera i 300 rifiuti ogni chilometro quadro di fondo, dei quali l’86% è plastica, in particolare usa e getta (il 77%). Reti dell’allevamento delle cozze, imballaggi industriali e alimentari, borse e bottiglie di plastica sono i rifiuti più comuni.

L’area costiera a sud del delta del Po (983 rifiuti al chilometro quadro), le acque di Corfù a nord (910 rifiuti) e a sud (829 rifiuti) di Corfù e le acque di fronte a Dubrovnik (559 rifiuti per chilometro quadro di fondale) sono le località adriatiche-ioniche con la maggiore densità di rifiuti in fondo al mare.

.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/forum/ministro-costa-ddl-ambiente/

Manovra, la nuova Flat Tax è una batosta per 2 milioni di partite Iva. Cosa cambia

Frodi al telefono, occhio all’ultima moda che ci frega l’home banking: la clonazione della Sim