in

Si indaga sulla Von der Leyen: spariti i dati del suo cellulare

Nuvole all’orizzonte per la presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen: il ministro della Difesa tedesco, Annegret Kramp-Karrenbauer (Akk), avrebbe infatti ordinato di indagare sulla cancellazione di dati dal suo cellulare. A renderlo noto in queste ore è stato un portavoce dello stesso ministero, che ora si attende un rapporto completo sull’accaduto entro il 3 gennaio 2020. Il rapporto verrà presentato davanti alla Commisione del Bundestag incaricata di occuparsi della vicenda e che si riunirà il 16 gennaio. Una situazione piena di ombre.

Von der Leyen, si indaga sulla sparizione di dati dal cellulare

Al centro delle accuse c’è un’indagine in corso nei confronti dell’ex ministro della Difesa per delle presunte irregolarità nell’assegnazione di alcuni appalti a consulenti e aziende private. Durante un’audizione a porte chiuse della Commissione parlamentare tedesca, sarebbe emerso che il cellulare della Von der Leyen era stato “ripulito”, i dati completamente cancellati. Dati che, ovviamente, avrebbero dovuto essere acquisiti dalla Commissione che stava cercando di fare chiarezza sul caso.

Von der Leyen, si indaga sulla sparizione di dati dal cellulare

La richiesta di aver accesso al telefonino dell’attuale vertice della Commissione Europea era stata inoltrata a febbraio. Soltanto ad agosto il ministero della Difesa aveva però spiegato di non poter fornire informazioni in quanto i dati contenuti nel cellulare erano stati cancellati a causa “di un incidente” e che alla Von der Leyen era stato consegnato un nuovo telefonino.

Von der Leyen, si indaga sulla sparizione di dati dal cellulare

Nelle scorse ore era stato il deputato dei Verdi tedeschi Tobias Lindner a sollevare il caso. Lindner ha presentato una denuncia penale per la vicenda dei dati cancellati dal telefono cellulare usato dalla presidente della Commissione Ue. Secondo la denuncia presentata da Lindner, la cancellazione dei dati solleverebbe il sospetto di una deliberata soppressione di prove. L’ammissione, da parte di alti funzionari del dicastero delle Forze armate, di avere cancellato dati cruciali per le indagini sulla neopresidente ha scatenato l’indignazione dei deputati di opposizione all’esecutivo Merkel.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/consumatori/bollette-enel-eni-profitti/

Autostrade, il dossier del governo: “Violato il patto coi cittadini”. Nero su bianco

Bollette, è allarme truffe: ecco i consigli da seguire per evitare di trovarsi con il portafogli (molto) più leggero