in

L’Europa ama di nuovo l’Italia: il ritorno del Pd ha reso di colpo Bruxelles docile e accondiscendente

Una coincidenza bislacca, non c’è che dire. Ma sicuramente solo una coincidenza, che a pensar male si rischia di fare peccato. Il passaggio dal governo gialloverde a quello, ormai in dirittura d’arrivo, giallorosso ha scatenato di colpi gli entusiasmi di Bruxelles, pronta di colpo a plaudire un’operazione che vedrà il Pd tornare al governo dopo una breve assenza, quella segnata dai quattordici mesi di convivenza tra Lega e Cinque Stelle. Una notizia subito applaudita, tra i tanti, dal commissario al bilancio uscente Günther Oettinger.

epa05097264 EU Commissioner for the Digital Economy and Society Guenther Oettinger of Germany gives a press briefing in Brussels, Belgium, 11 January 2016, on the initiatives to develop broadband infrastructures in the EU and Germany. EPA/OLIVIER HOSLET +++(c) dpa – Bildfunk+++

Esponente dello stesso partito di Angela Merke, Oettinger è stato rapidissimo nel tendere la mano alla maggioranza nascente: “Se cambiano i toni da Roma, faremo tutto il possibile per facilitare il lavoro del nuovo esecutivo italiano”. Specificando poi che i temi su cui intervenire riguardano innanzitutto i migranti e la prossima manovra economica, da affrontare sulla base di un “dialogo costruttivo”. Ottimismo diffuso, insomma. Entusiasmo. Casuale? Sicuramente.

Una linea sposata anche dal ministro delle Finanze tedesco, il socialdemocratico (Spd) Olaf Scholz, secondo il quale l’incarico per la formazione di nuovo governo in Italia è “una buona notizia per l’Europa”. “Mi rallegro che con ogni probabilità in Italia finisce la crisi di governo e può ora prendere il timone un governo nuovo, stabile e progressista”. Si festeggia, insomma, il ritorno del Pd alla guida del Paese. E i maligni potrebbero pensare “basta essere d’accordo con loro e arriveranno subito tutti i palliativi del mondo”. Sbagliando, per carità.

BRUSSELS, BELGIUM – NOVEMBER 25: President of the European Commission Jean-Claude Juncker speaks to the media with European Union chief Brexit negotiator Michel Barnier and European Council President Donald Tusk during a press conference after attending a special session of the European Council over Brexit on November 25, 2018 in Brussels, Belgium. The three EU representatives briefed the media after leaders of the 27 remaining member states of the European Union met and approved the United Kingdom’s withdrawal agreement for leaving the European Union and the political declaration that will set the course for the U.K.’s relationship with the E.U. once Brexit is complete. (Photo by Sean Gallup/Getty Images)

Alla grande festa per la conferma di Conte e l’avvio del dialogo stringente tra dem e grillini si è aggiunto anche il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker, che ha augurato al premier di “riuscire nel suo compito di formare un governo. L’Italia gioca un ruolo centrale nella famiglia europea e contiamo sul suo contributo attivo al progetto europeo”. Da problema, lo Stivale si è trasformato in prezioso tassello per il bene comune. Una trasformazione lampo. In fondo, per fare tutti felici bastava riportare Renzi & co. in prima linea. E i problemi, di colpo, sembrano più lontani.

Potrebbe interessarti anche: https://www.ilparagone.it/attualita/renzi-punta-il-dito-contro-chi-vuole-sabotare-le-intese-pd-5s/

Il cambiamento all’Economia? I soliti eurotecnici

Facebook non è più “gratis”: ecco il perché della decisione che ha spiazzato gli utenti