in

La vendetta di Putin. Ecco che fine fa fare al gas che non consegna più all’Europa

Pubblicato il 26/08/2022 16:57

La Russia starebbe bruciando enormi quantità di gas naturale, che avrebbe dovuto essere destinato all’esportazione in Germania. Dunque la Russia brucia al vento il gas eccedente, mentre i costi dell’energia salgono alle stelle in Europa. Secondo la BBC News, che ha citato un’analisi di Rystad Energy, un impianto vicino al confine russo con la Finlandia brucia ogni giorno circa 8,4 milioni di sterline di gas, circa 10 milioni di euro.
(Continua a leggere dopo la foto)

La grande fiamma

Ma non è tutto. Alcuni esperti sarebbero preoccupati anche per le quantità di anidride carbonica e di fuliggine che sta creando il nuovo impianto di gas naturale liquefatto (GNL) a Portovaya, a nord-ovest di San Pietroburgo. L’impianto si trova vicino a una stazione di compressione all’inizio del gasdotto Nordstream 1, che trasporta il gas in Germania. I cittadini finlandesi hanno riferito di aver visto una grande fiamma provenire dall’orizzonte all’inizio dell’estate e i ricercatori hanno notato un aumento significativo del calore proveniente dalla struttura.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il gas flaring

Sebbene il “gas flaring” sia un processo comune negli impianti di trattamento del gas – normalmente eseguita per motivi tecnici o di sicurezza – l’enorme entità di questa combustione ha creato grossi dubbi negli esperti. “Non ho mai visto un impianto di GNL infiammarsi così tanto”, ha affermato la dott.ssa Jessica McCarty, esperta di dati satellitari della Miami University in Ohio. “A partire da giugno, abbiamo visto questo enorme picco, che poi non è più scomparso. È rimasto molto alto”. Gazprom, il colosso energetico russo che possiede l’impianto, non ha risposto alle richieste di commento sul flaring. I costi finanziari e ambientali aumentano ogni giorno in cui il bagliore continua a bruciare, affermano gli scienziati.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il dominio della Russia sui mercati energetici

“Sebbene le ragioni esatte del bagliore siano sconosciute, i volumi, le emissioni e la posizione del bagliore sono un promemoria visibile del dominio della Russia sui mercati energetici europei”, ha affermato Sindre Knutsson di Rystad Energy. “Non potrebbe esserci un segnale più chiaro: la Russia può abbassare i prezzi dell’energia domani. Questo è gas che altrimenti sarebbe stato esportato tramite il Nord Stream 1 o alternative”. Dopo l’allentamento delle restrizioni anti-Covid, molti luoghi di lavoro in tutto il mondo, dall’industria alle piccole aziende, sono stati in molti contemporanemente ad aver bisogno di più energia, facendo salire enormemente la domanda in tutto il mondo. Poi i prezzi sono aumentati di nuovo nel febbraio di quest’anno, dopo l’inizio del conflitto in Ucraina. Inutili i tentativi dei governi europei nel cercare delle alternative alle materie prime russe, che fino a quel momento aveva fornito il 40% del gas utilizzato nell’UE.

Potrebbe interessarti anche: “Caro gas, tutta colpa dell’Europa”. L’ex ministro spiega perché la crisi energetica è causata dalla Ue

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Caro gas, tutta colpa dell’Europa”. L’ex ministro spiega perché la crisi energetica è causata dalla Ue

Moderna fa causa a Pfizer per i vaccini. Volano stracci tra le big dei farmaci