in

Covid, Wuhan ripiomba nel lockdown. La Cina non allenta la tensione e il mondo trema

Pubblicato il 28/07/2022 10:43 - Aggiornato il 28/07/2022 10:48

Torna il lockdown a Wuhan. Questa volta è stato disposto il confinamento di Jiangxia, un sobborgo della città, dove vive circa un milione di persone. Le autorità hanno deciso che il rilevamento di 4 casi asintomatici di coronavirus potesse rappresentare un rischio, stabilendo un lockdown della durata di tre giorni.
(Continua a leggere dopo la foto)

Wuhan subisce la strategia “Zero Covid”

Come riporta il Corriere della Sera, per prima volta dal 2020 Wuhan, la grande metropoli cinese da 12 milioni di abitanti torna a disporre un lockdown. La Cina persevera nella sua politica “zero Covid”, utilizzando lockdown, restrizioni di movimento e test su larga scala, anche se le varianti più contagiose della malattia sembrano essere in grado di «bypassare» molte delle misure di contenimento.
(Continua a leggere dopo la foto)

Molte le critiche sulla strategia

La strategia “zero Covid” imposta a Wuhan ed in tutta la Cina, risulta essere sempre più controversa, e sempre più spesso viene messa in discussione, in Cina, per i suoi altissimi costi in termini sia economici, sia sociali. Secondo le autorità cinesi, però, essa è imprescindibile per evitare che le strutture sanitarie possano collassare di fronte a ondate troppo elevate di casi.

Potrebbe interessarti anche: “I non vaccinati guariscono prima”. Lo studio che potrebbe cambiare le regole della quarantena

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

“Uno dei tanti danni causati da lockdown e mascherine”. Bassetti choc scarica Speranza

Non è vaccinato e lo escludono dalla lista per il trapianto. Le giustificazioni della Asl sono indegne