in

“Afferrata e trascinata dietro una siepe”: stupro di gruppo a Milano, l’agghiacciante scena sotto gli occhi dei passanti

Pubblicato il 05/07/2022 13:36

Una donna a terra, in un vialetto, mentre un uomo le salta addosso e abusa di lei, a due passi di un’area giochi dei bambini, nascosto dal buio e da un siepe. Una scena terribile, agghiacciante, quella andata in scena a piazza Napoli, nel quartiere Giambellino, a Milano. Oltre all’aggressore, sulla scena erano presenti anche altri due uomini, che forse hanno partecipato alla violenza, di sicuro hanno assistito alla violenza. Stando alle prime ricostruzioni anche loro avrebbero strattonato la donna, poi trascinata a forza in quell’angolo nascosto.

Come ricostruito dal Corriere della Sera, all’arrivo dei carabinieri uno dei complici è riuscito a fuggire, mentre l’altro ha provato ad allontanarsi venendo però bloccato dai militari. Il terzo uomo non si sarebbe invece nemmeno mosso, come noncurante, senza lasciare la presa sulla donna, una brasiliana di 41 anni che vive in Italia da tempo, residente in uno dei Comuni della cintura milanese. La vittima è stata trasportata alla clinica Mangiagalli, dove è stata ricoverata. I medici hanno riscontrato lesioni compatibili con gli abusi.

I presunti autori sarebbero un 42enne originario della Nuova Guinea, regolare in Italia e incensurato, e un 22enne egiziano, irregolare e con alcuni precedenti in materia d’immigrazione. Il primo è stato arrestato mentre stava abusando della donna, mentre il secondo, che probabilmente la stava tenendo ferma, non avrebbe fatto in tempo ad allontanarsi. Del terzo, infine, al momento non ci sarebbero tracce.

Tutto è successo intorno alle 2.30 della notte tra sabato 2 e domenica 3 luglio. In base alle prime ricostruzioni, un gruppo di persone si ritrovava a far notte e a chiacchierare sulle panchine di uno dei giardini della grande piazza nella periferia ovest di Milano. D’un tratto, alcuni passanti hanno avvertito le forze dell’ordine dopo aver notato la violenza in corso. Le indagini sono state affidate ai carabinieri della compagnia Porta Magenta e ai militari del nucleo investigativo del comando provinciale. Dopo i rilievi sulla scena della violenza, gli investigatori hanno raccolto le testimonianze di alcuni dei passanti presenti in piazza quella notte. Non è ancora chiaro se le due persone accusate di violenza sessuale di gruppo si conoscessero tra loro, e se conoscessero la vittima.

Ti potrebbe interessare anche: “In arrivo la sesta ondata”. Gli ipervaccinati di Israele lanciano l’allarme: e da noi c’è chi si sfrega già le mani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

La trappola dell’auto elettrica. Ecco perché non è ecologica e ci costerà 75 mila posti di lavoro

“Il suo resterà un sogno”: Ucraina, il clamoroso schiaffo a Papa Francesco