in

In arrivo anche le “tasse” europee! Un altro regaletto del Recovery Fund di Conte

Il Recovery Fund di Conte, insieme ai tanti problemi che creerà all’Italia, ci porta in dote anche un nuovo pacchetto di tasse. Con una novità, però. Non saranno tasse qualsiasi, ma saranno tasse europee! Che fortuna, non vedevamo l’ora. Come se non bastavano quelle già abbiamo… Queste tasse nuove di zecca, dovrebbero servire per finanziare il programma di aiuti europeo concordato da Conte&Co.. Serviranno soldi per ripagare i prestiti e pagare gli interessi, e quindi ecco qua che ad aprire il portafoglio saranno di nuovo i cittadini italiani. La Commissione UE, infatti, si doterà di risorse proprie aggiuntive. E cosa farà se non effettuare nuovi prelievi? Prelievi che verranno dalle tasche dei cittadini, ovvio.

Come spiega Il Fatto Quotidiano, il primo prelievo ad entrare in vigore, già dall’inizio del prossimo anno, avrà la forma di una tassa sulla plastica. “È un contributo nazionale calcolato sui rifiuti di plastica per imballaggi non riciclata per un ammontare di 80 centesimi di euro ogni kilogrammo. In base ai calcoli contenuti nel piano antecedente alla pandemia e predisposto nel 2018 dalla Commissione UE per rafforzare la sua dotazione, questo tributo potrebbe generare un gettito intorno ai 7 miliardi di euro l’anno. La tassa dovrebbe prevedere dei correttivi per non renderla eccessivamente regressiva, ossia per non penalizzare maggiormente i contribuenti con redditi più bassi”.

E una. Le altre tasse, invece? Perché mica si accontentano di così poco a Bruxelles. Il secondo punto a cui si lavora, che dovrebbe diventare operativo nel primo semestre del 2021, “è una rimodulazione del sistema di compravendita dei diritti di emissione delle aziende, i sistema per cui un’impresa che emette meno CO2 di quanto avrebbe diritto può rivendere parte della sua quota sul mercato ad altre aziende. Secondo le prime stime la riforma dei diritti di emissione dovrebbe garantire entrate aggiuntive nella casse della Commissione per circa 10 miliardi di euro l’anno”.

“A questo – conclude l’articolo del Fatto – potrebbe aggiungersi un inasprimento della carbon tax tra i 5 e i 14 mld l’anno. Nel 2023 dovrebbe invece vedere la luce la digital tax sui colossi del web come Google o Facebook che potrebbe fruttare fino a 1 miliardo di euro l’anno. Allo studio, ma qui non sono indicate scadenze precise, anche ad una tassa sulle transazioni finanziarie la cui approvazione rimane però in dubbio”.

Ti potrebbe interessare anche: Recovery Fund: un MES all’ennesima potenza

Banca di Italia contro i debitori senza tutela

Nel decreto Semplificazioni il governo infila un regalo per l’aeroporto di Firenze