in

I risparmi degli italiani in fumo: l’11% li ha già finiti e non sa come affrontare i prossimi mesi

Se immaginare cosa accadrà sul fronte sanitario è impresa ardua, ancora più difficile è capire con certezza il peso e le evoluzioni della crisi economica figlia della pandemia di Covid-19. Con la consapevolezza, però, che il quadro è tutt’altro che roseo e potrebbe presto anche peggiorare: secondo il Sole 24 Ore, infatti, solo per 4 percettori di reddito su 10 l’emergenza non ha causato danni. Il 16%, invece, ha già fatto registrare danni per oltre la metà dei compensi rispetto al periodo precedente al lockdown, con un ulteriore 20% a far segnare invece una diminuzione delle entrate intorno al 30%. Un colpo durissimo, insomma, per quasi quattro italiani su dieci. Con il rischio che la situazione si aggravi ulteriormente nei prossimi mesi.

I risparmi degli italiani in fumo: l'11% li ha già finiti e non sa come affrontare i prossimi mesi

Come già evidenziato da vari studi, purtroppo le crisi economiche non sono mai eque nel modo di abbattersi sulla popolazione, colpendo alcune categorie con maggiore ferocia rispetto alle altre. Ecco, allora, che le donne fanno segnare le perdite di ricavo maggiori, in quanto più esposte rispetto agli uomini al lavoro precario e meno aiutate dagli ammortizzatori sociali. D’altronde il meccanismo di sostegno al reddito, per quanto basilare in termini di aiuti economici, già di per sé prevede una diminuzione dello stipendio mediamente attorno al 20-30%. Conseguenza di tutto questo è, ovviamente, il calo dei consumi, ma anche l’erosione dei risparmi che rende difficile far fronte anche a spese necessarie.

I risparmi degli italiani in fumo: l'11% li ha già finiti e non sa come affrontare i prossimi mesi

Sempre secondo il Sole 24 ore, infatti, con il perdurare della crisi il 30% degli italiani teme di avere, a breve, difficoltà per pagare le spese per la casa, dalla rata del mutuo al canone di affitto o del condominio. Il 32% è preoccupato di non poter sostenere le spese mediche, mentre il 34% ha già ridotto in maniera drastica gli acquisti non alimentari e il 20% già dichiara di consumare meno cibo. E le aspettative per il futuro non sono affatto migliori: l’11% dice infatti di aver consumato già tutti i risparmi e non poter più, quindi, attingere ai fondi personali in caso di emergenza. Un 17% stima invece che le proprie risorse si esauriranno definitivamente tra luglio e agosto.

I risparmi degli italiani in fumo: l'11% li ha già finiti e non sa come affrontare i prossimi mesi

Settori come il turismo sono ovviamente molto colpiti da questa situazione generale: in un momento in cui è la stessa sopravvivenza a preoccupare, l’idea di una vacanza passa in secondo piano. Solo il 26% stima che trascorrerà tra luglio e settembre almeno una notte fuori casa per turismo. E tra chi invece rinuncia (58%) la motivazione prioritaria è quella economica (37%) rispetto a quella sanitaria (29%). Nemmeno il quadro generale sembra rassicurante: il 62% degli italiani vede avvicinarsi un periodo di forte crisi per la nazione al quale guarda con preoccupazione. Solo il 7%, di contro, crede nella ripresa immediata del Paese.

Ti potrebbe interessare anche: L’ultima idea firmata Macron-Merkel? Farci pagare delle tasse europee

I tedeschi di Wirecard fanno danni in Italia: bloccate (senza preavviso) 325mila carte italiane

Questo governo è nemico dei lavoratori e della Costituzione