in

Un vaccino nasale “sicuro ed economico”: la scoperta che spaventa i colossi di Big Pharma

Come dovrebbe essere il vaccino perfetto, in grado di combattere in maniera davvero efficace il Covid? A tracciarne l’identikit è stato Andrea Crisanti, microbiologo dell’Università di Padova, che ai microfoni della trasmissione di Rai Tre Report ha spiegato: “Avremmo bisogno di un farmaco che ricapitola il processo di infezione e che quindi, invece di essere iniettato, venga somministrato per via mucosale. E che non costi 20 dollari per ogni dose, ma magari soltanto uno”.

Sempre secondo Crisanti, il “vaccino perfetto” dovrebbe poi “poter essere trasportato a temperatura ambiente, senza dover ricorrere alla catena del freddo. E invece di tre dosi dovrebbe richiederne una sola”. Utopia, verrebbe da pensare, in un momento come questo. In realtà però, proprio mentre i colossi di Big Pharma gongolano all’idea di altre dosi obbligatorie per le popolazioni mondiali e quindi ancora lautissimi incassi, c’è chi sta lavorando davvero a un prodotto del genere, in grado di portare alla tanto agognata immunità di gregge.

Come raccontato da Report, infatti, all’università di Tours in Francia è in corso la sperimentazione di un vaccino in grado di bloccare il virus nelle vie aeree superiori (naso e bocca), quelle dove inizia e si diffonde il contagio. Un farmaco realizzato grazie a dei contributi pubblici, pronto a finire sul mercato a un prezzo “più che concorrenziale”. Una rivoluzione vera e propria che non farebbe certo piacere alle multinazionali del settore, quelle che in questi mesi si stanno spartendo avidamente una torta golosissima, realizzando guadagni mai visti prima.

Isabelle Dimier-Poisson, responsabile della ricerca all’interno dell’ateneo, ha spiegato a Report: “Il vantaggio del nostro vaccino è che viene somministrato per via nasale, al contrario degli altri. Il naso è il sito di ingresso del virus, quindi il nostro vaccino permetterà di fermarlo subito. Le persone vaccinate saranno così protette dalle forme sintomatiche di Covid-19 e, se infettate, non potranno più contagiare gli altri. Potremo tornare così alla vita di problema”. Il vaccino è risultato al momento sicuro al 100% nelle sperimentazioni sugli animali.

Ti potrebbe interessare anche: Taranto continua ad ammalarsi di di Ilva. Se la salute è una priorità solo quando si tratta del vaccino

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Il CDC Usa cambia la definizione scientifica di “vaccino” per farci rientrare quello anti-Covid

Parte la caccia a Crisanti. Attacchi in diretta da Palù e Viola. Chi dubita è No vax