in

Tutto e il contrario di tutto: Johnson e Johnson non dura più un anno. Caos sui vaccini

C’è qualcosa che non torna, ormai da parecchio, nella gestione di questa fase della pandemia. Accompagnata da dati incoraggianti, quelli che mostrano un calo nella curva dei contagi e nei decessi e una pressione lieve sugli ospedali, e allo stesso tempo scandita da misure stringenti, su tutte l’obbligo di Green pass, e allarmi lanciati in tv dai santoni-virologi di turno. Concordi, ora, sulla necessità di una terza dose di vaccino: “Devono farla tutti gli italiani, non soltanto anziani e persone a rischio”. Proprio mentre l’efficacia dei farmaci è diventata, però, un caso.

Walter Ricciardi, consulente del ministero della Salute, ha da poco rivelato che “il farmaco Johnson & Johnson ha un’efficacia che scema dopo due mesi”. Chi ha fatto la dose unica, quindi, ha probabilmente già visto le proprie difese abbassarsi drasticamente, e fra non molto sarà costretto ad armarsi nuovamente di telefonino e prenotare un’altra somministrazione. E d’altronde, l’Agenzia europea del farmaco ha dato nel frattempo il via libera al richiamo di Moderna spiegando: “La protezione dura soltanto sei mesi”. Sollevando un inquietante interrogativo: perché, allora, il Green pass voluto dal governo Draghi ha validità un anno?

Dopo le ultime notizie in merito alla durata dell’efficacia dei farmaci, il web ha iniziato a popolarsi di domande retoriche e dal sapore piuttosto amaro. Chiede per esempio un utente: “Ma il Green pass annuale ora verrà revocato ai vaccinati non più coperti?”. Nella consapevolezza del fatto che il governo, ormai, stia lasciando girare persone armate di un certificato che non dà alcuna garanzia di sicurezza. Uno strumento totalmente inutile, anzi pericoloso, dal punto di vista sanitario, e quindi soltanto un modo per controllare i cittadini calpestando i loro diritti.

Dietro le scelte di Draghi e dei suoi ministri, non ci sono certezze scientifiche. Ormai è evidente: l’efficacia della monodose J&J doveva essere, stando agli annunci, addirittura di un anno. Ora si è scoperto che si ferma a due mesi appena. Idem per Moderna, con proclami trionfali poi smentiti. Le mosse del governo sono di natura prettamente politica, a partire dalla volontà di continuare a infondere false sicurezze nei cittadini per mezzo del Green pass, che come evidente non è affatto sinonimo di protezione dal Covid.

Ti potrebbe interessare anche: La Sicilia torna in giallo? Per l’assessore Razza la colpa è dei non vaccinati

Vaccino sicuro, come si fa a dirlo senza farmacovigilanza? Dati omessi e numeri a caso

La proposta di Quota 102 e 104 nasconde un inganno