in

Sondaggi, un partito di Conte? Darebbe il colpo di grazia al M5S

Di una possibile discesa nell’arena politica di Giuseppe Conte, in occasione delle prossime elezioni, si è discusso più volte nel corso degli ultimi mesi. Il ritorno alle urne, più e più volte rimandato dai giallorossi saldamente ancorati alle poltrone, è comunque un momento inevitabile. E così, quando arriverà l’occasione, l’Avvocato del Popolo potrebbe essere tentato di incassare quel po’ di consenso rimasto per creare una sua formazione. Con quali risultati?

Sondaggi, un partito di Conte? Darebbe il colpo di grazia al M5S

Una domanda alla quale ha tentato di rispondere l’ultimo sondaggio realizzato da Emg-Acqua e presentato di Fabrizio Masia ad Agorà, su RaiTre. A sorpresa, ma forse neanche troppo, a dover temere una discesa in campo dell’attuale premier dimissionario sono sopratutto i partiti della maggioranza giallorossa, ai quali Conte finirebbe per sottrarre ulteriori consensi. Un possibile partito guidato da Giuseppe Conte si attesterebbe infatti al 10% ma sarebbe ingombrante, e parecchio, per il M5s, che perderebbe il 5% dei suoi consensi crollando addirittura al 9%.

Sondaggi, un partito di Conte? Darebbe il colpo di grazia al M5S

In questo scenario, però, le brutte notizie riguarderebbero anche il Pd, che perderebbe il 3,3%. Qualche voto arriverebbe all’attuale presidente del Consiglio anche da Forza Italia e dalla Lega, rispettivamente l’1,1% ciascuno, e in misura molto minore da Fratelli d’Italia (lo 0,2%). Per quanto riguarda, invece, l’orientamento di voto attuale, in piena crisi di governo, la rilevazione conferma il passo indietro delle forze di maggioranza, penalizzate dagli italiani nelle intenzioni.

Sondaggi, un partito di Conte? Darebbe il colpo di grazia al M5S

In crescita, di poco, la Lega, ora al 24,1%. Perde invece lo 0,1 il Partito Democratico, che passa dal 20,1% del 21 gennaio al 20% del 28. Stessa diminuzione registra Fratelli d’Italia, che passa dal al 16,4% al 16,1. Continua la caduta del Movimento 5 Stelle, che passa dal 14,1 al 14 di questa settimana. Forza Italia è stazionaria(dal 7,5 al 7,6), mentre il partito di Matteo Renzi, Italia Viva, passa dal 4,1% al 4%.

Ti potrebbe interessare anche: In Italia si devono aspettare 14 anni per una sentenza di violenza sessuale: Bonafede ci sei?

Crisi, il grande ritorno di Mario Draghi: Renzi lo vuole ministro dell’Economia

“I Benetton volevano solo dividendi e dividendi”. Le intercettazioni del manager di Atlantia