in

L’ex calciatore Schiattarella muore all’improvviso mentre fa jogging

Pubblicato il 30/08/2021 09:02

C’è tanto dolore nella comunità di Marano di Napoli per la morte dell’ex calciatore Rosario Schiattarella. All’altezza di via San Rocco, il podista di 55 anni, ha accusato un malore, probabilmente un infarto, mentre si accingeva a superare il ristorante “La Bianchina”. A rivelarsi fatale per l’ex calciatore, sarebbe stato dunque un forte malore che lo avrebbe colpito mentre stava praticando attività fisica. Stando a quanto riporta il quotidiano Il Messaggero, l’uomo si sarebbe improvvisamente accasciato a terra. (Continua a leggere dopo la foto)

Da lì è partita la corsa contro il tempo nel disperato tentativo di salvarlo. A dare l’allarme sarebbero stati alcuni passanti che, avendo intuito che le condizioni dell’ex calciatore erano molto gravi, e hanno provveduto dubito a chiamare i soccorsi che sono giunti con due ambulanze. Per l’uomo non ci sarebbe stato nulla da fare. (Continua a leggere dopo la foto)

“Sul posto – dopo la segnalazione di alcuni passanti – sono intervenute due ambulanze, ma le manovre di rianimazione messe in atto dai sanitari non hanno sortito gli effetti sperati. Sul luogo della tragedia, l’ennesima di questi ultimi tempi in quella zona della città, sono accorsi tutti i familiari della vittima, molto nota a Marano. Nei giorni scorsi, secondo quanto raccontato da alcuni familiari, Schiattarella si era sottoposto alla vaccinazione, ma al momento non ci sono elementi per stabilire se vi sia una correlazione tra gli eventi”. (Continua a leggere dopo la foto)

Schiattarella, che ha praticato sport anche dopo la conclusione della carriera calcistica, si è accasciato improvvisamente al suolo. Vani sono risultati i tentativi per rianimarlo. Le esequie sono state celebrate nella Chiesa di San Rocco a Marano di Napoli domenica 29 agosto alle ore 11.30.

Ti potrebbe interessare anche: Muore 3 giorno dopo il vaccino, l’Usl sospende il lotto: il dramma di Alessandro

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

SICILIA IN ZONA GIALLA. MA DI CHI E’ LA COLPA?

Eric Clapton pubblica una canzone contro i vaccini e i lockdown, e torna all’attacco