in

Robert F. Kennedy Jr a Milano: il 13 novembre sarà in piazza per dire no al Green pass

Una manifestazione per dire no alle imposizioni di un governo che ricatta gli italiani, costringendoli a vaccinarsi senza poter liberamente esprimere dubbi (pure manifestati nelle ultime settimane anche da illustri scienziati) sull’efficacia e la sicurezza dei farmaci anti-Covid. Appuntamento fissato per sabato 13 novembre a Milano, quando l’associazione Children’s Health Defense ha organizzato una protesta all’Arco della Pace, e che vedrà la partecipazione di un ospite d’eccezione: Robert F. Kennedy Jr.

Figlio di Bobby e nipote dell’ex presidente Usa John Fitzgerald, Kennedy salirà sul palco milanese insieme Mary Holland e Senta Depuydt, dirigenti dell’organizzazione da lui fondata, per protestare contro il Green pass, a difesa dei “principi della democrazia, della libertà di scelta terapeutica, del diritto al consenso informato, della tutela del diritto alla privacy e dell’autodeterminazione, della trasparenza in ambito scientifico”.

Robert F. Kennedy Jr a Milano: il 13 novembre sarà in piazza per dire no al Green pass

Intervistato a fine ottobre da La7, Kennedy ha allontanato l’etichetta di “No vax” che pure diversi giornali avevano provato ad appiccicargli, sostenendo di non aver nulla contro i vaccini: “Nessuno, però, dovrebbe essere obbligato ad assumere una medicina che non vuole”. Lo scorso anno, Robert aveva pronunciato uno storico discorso a Berlino, di fronte a 38 mila manifestanti scesi in piazza contro le restrizioni adottate dal governo di Angela Merkel in Germania, invitando la città a ergersi come “frontiera contro il totalitarismo globale”.

“I governi – aveva spiegato Kennedy – amano le pandemie per lo stesso motivo per cui amano la guerra: perché permettono loro di imporre un controllo della popolazione che in altre circostanze non sarebbero mai permesse”. In passato Robert era stato anche un pioniere delle battaglie ambientaliste, lavorando per trent’anni a fianco del Natural Resources Defence Council, insegnando diritto ambientale alla Pace University di New York e fondando nel 1999 la Waterkeeper Alliance.

Ti potrebbe interessare anche: “Non si può discutere né di guerra, né di identità sessuale…”

Rifiuta il vaccino e rinuncia a uno stipendio da 9 milioni di dollari: la scelta della star

Molnupiravir, cos’è e come funziona la pillola anti-Covid che riduce del 50% la mortalità