in

“Come quello per il Covid”. Pfizer pronta a lanciare l’antinfluenzale a mRNA: l’ultima mossa di Big Pharma

Pubblicato il 16/09/2022 11:50

Pfizer ha dichiarato mercoledì di aver avviato una sperimentazione negli Stati Uniti in fase avanzata di un vaccino antinfluenzale che ha coinvolto 25.000 pazienti, tra i primi studi di questo tipo per un vaccino antinfluenzale a mRNA messaggero, la stessa tecnica sperimentata (e non usiamo questo termine a caso) per il vaccino anti-Covid. L’influenza provoca da 12.000 a 52.000 decessi negli Stati Uniti ogni anno, ma i ceppi utilizzati nei vaccini devono essere cambiati ogni anno prima della stagione influenzale poiché i virus circolanti continuano a evolversi, esattamente come è ora per il Covid (che è un coronavirus come quelli dell’influenza) che muta continuamente e forma centinaia di sottovarianti che è impossibile seguire. (Continua a leggere dopo la foto)

La tecnologia mRNA messaggero consente di modificare i ceppi del vaccino in modo relativamente più rapido e Pfizer prevede che questa flessibilità e la sua rapida produzione consentiranno potenzialmente migliori corrispondenze dei ceppi negli anni futuri. Attualmente, i vaccini contro l’influenza come Fluad Quadrivalent o Flucelvax Quadrivalent di CSL Seqirus sono vaccini inattivati, in cui i virus vengono coltivati ​​in una coltura e quindi uccisi utilizzando determinate sostanze chimiche, un processo che richiede mesi. Come si è sempre fatto finora per tutti i vaccini, prima del grande esperimento Covid. (Continua a leggere dopo la foto)

Come riporta Reuters, i dati iniziali del vaccino antinfluenzale di Moderna Inc (MRNA.O) lo scorso anno hanno deluso gli investitori dopo aver mostrato che il vaccino antinfluenzale a base di mRNA dell’azienda non era migliore dei vaccini già approvati sul mercato. Moderna, tuttavia, ha anche avviato una sperimentazione in fase avanzata del suo vaccino antinfluenzale a giugno di quest’anno. Dietro questa smania di coprire anche l’influenza con vaccini mRna è chiaro dunque che c’è altro. Ed è facile intuire cosa. (Continua a leggere dopo la foto)

L’obiettivo di Big Pharma, Pfizer in testa, era esattamente questo: cambiare le catene di produzione dei vaccini. Farli con la tecnica a mRNA messaggero è infatti molto più semplice e vantaggioso. Inoltre possono produrlo per enormi quantitativi. È per questo che ora è facile ipotizzare che i colossi farmaceutici, con la loro enorme influenza sui governi nazionali – a maggior ragione dopo tutto quello che è accaduto con il Covid – cercheranno di far mettere il vaccino antinfluenzale obbligatorio per alcune categorie e per gli over 60/65.

Ti potrebbe interessare anche: “Destra o sinistra? Tutti uguali, sottomessi a Nato e Ue”. Paragone e Fusaro a valanga, bagno di folla nelle tappe del tour

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Rincari, non è finita qui”: l’allarme degli esperti, ecco cosa succederà questo inverno

“Governo, ci avete lasciato morire. La pasticerria chiude a causa dei vostri aumenti”: il grido di dolore della titolare