Vai al contenuto

“Ecco la sinistra…” Piscine extralusso e ristoranti gourmet: la scelta di Elly Schlein che fa discutere (FOTO)

Pubblicato il 12/01/2024 11:37 - Aggiornato il 12/01/2024 12:31

Come già accaduto nel recente passato, ai tempi dell’armocromista lautamente retribuito da Elly Schlein, a far discutere nel Pd è lo stile, prima ancora delle idee e dei programmi politici. L’ultimo caso scoppiato in seno ai dem è infatti quello del Park Hotel dei Cappuccini di Gubbio, location scelta per il prossimo meeting del centrosinistra. Un hotel a cinque stelle (no, Giuseppe Conte per una volta non c’entra) con tanto di sala massaggi, ristorante gourmet e piscina termale: in mezzo a tanto sfarzo, Schlein illustrerà ai presenti le prossime mosse, a partire dall’interrogazione da presentare sui fatti di Acca Larentia con conseguente richiesta al governo di “sciogliere le formazioni neofasciste”. Tutto bello, tutto giusto. Ma la cornice scelta per l’evento ha fatto discutere non poco i militanti. (Continua a leggere dopo la foto)
“Basta auto elettriche, torniamo alla benzina”. L’annuncio del colosso è una mazzata per i paladini del green

pd ritiro gubbio

Come spiegato da Libero Quotidiano, l’hotel è un ex convento del XVII secolo, dove “la cura dello spirito è passata a quella del corpo; e dove Marc Messeguè vestito da padre benedettino accoglie nella Spa, per le cure estetiche, drappelli di vippissimi internazionali”. (Continua a leggere dopo la foto)

Un’idea, quella dell’incontro a Gubbio, che si è concretizzata nelle ultime ore. Con tanto di tavoli già organizzati, orari ben scanditi, pasti e tempistiche programmate. Non una novità assoluta nel mondo dem, anzi: il primo a organizzare un “ritiro spirituale” del centrosinistra era stato Massimo D’Alema nel 1995, a Certosa di Pontignano, mentre nel 1997 Romano Prodi aveva scelto il castello di Gargonza per riunire lo stato maggiore dell’Ulivo. Ma molti utenti, attraverso i social, hanno mostrato disappunto e perplessità. (Continua a leggere dopo la foto)

I sondaggi non decollano, di proposte davvero convincenti neanche l’ombra, le stesse elezioni europee sono ancora un punto interrogativo. E così non è mancato chi, in rete, ha sollevato dubbi e lanciato provocazioni: “Non c’è uno straccio di futuro, ma intanto i lorsignori vanno a ‘discutere’ in mezzo a spa di lusso e ristoranti stellati”. La sensazione è che, ancora una volta, Elly Schlein sia incappata in un’autorete.

Ti potrebbe interessare anche: “Senza basi scientifiche”. Fauci nella bufera: cosa ha (non) detto in Commissione. Gli Usa lo inchiodano, verità vicina