in

Patuanelli taglia i fondi all’agricoltura del Sud, e parte la rivolta: “Danno incalcolabile”

Sei assessori regionali all’Agricoltura di Puglia, Campania, Umbria, Basilicata, Calabria e Sicilia si sono coalizzati nel “dichiarare apertamente il loro forte dissenso” contro il ministro Patuanelli e la sua scelta di assecondare la proposta delle altre Regioni italiane del centro-nord di di disconoscere in toto il criterio di ripartizione della storicità della spesa per l’assegnazione dei fondi europei destinati all’agricoltura. “A causa degli effetti dovuti all’epidemia il periodo è già molto difficile. Proprio per questo diventa complicato capire la ragione e la validità di alcuni provvedimenti governativi come quello architettato dal ministero dell’Agricoltura Patuanelli”, attacca sul Quotidiano del Sud il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Piergiorgio Quarto. (Continua a leggere dopo la foto)

Quarto, facendosi portavoce delle istanze delle regioni del Sud in questa vicenda, parla di “scippo intenzionalmente perpetrato dalle Regioni del Nord Italia a danno di quelle meridionali per quanto riguardai fondi europei per lo sviluppo rurale relativi al biennio di transizione 2021-2022. L’aspetto paradossale della vicenda è che il ministro Patuanelli, titolare del dicastero agricolo, sembra fortemente intenzionato ad ascoltare e a dare seguito all’ingiusta proposta. Se così fosse il mondo agricolo meridionale subirebbe un danno incalcolabile, valutabile nell’ordine di decine di milioni di euro per ogni Regione”. (Continua a leggere dopo la foto)

Ti potrebbe interessare anche: Milano vuole sfrattare la storica “Sala Venezia”: e parte la petizione per salvarla

Snocciolando le cifre che forse Patuanelli non ha tenuto in considerazione, “la Campania ad esempio sarebbe depauperata di ben 153 milioni di spesa pubblica in due anni. Guai – continua Quarto – a procedere alla revisione dei criteri di ripartizione dei fondi, si produrrebbe una forte penalizzazione a danno di regioni già svantaggiate di per sé, che proprio grazie ai fondi in questione riescono ad ottenere un adeguato riequilibrio strutturale. Funzione primaria di questi fondi è quella di colmare il divario tra le aree più ricche del Paese e quelle più povere”. (Continua a leggere dopo la foto)

Dall’altro lato risponde l’assessore all’Agricoltura del Veneto, Federico Caner: “Un accordo equo, giusto. Le sei Regioni contrarie (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia e Umbria) sulla base di una ardita interpretazione lessicale del termine ‘transizione’, pretenderebbero di continuare ad applicare l’accordo per il riparto tra Regioni delle risorse per lo Sviluppo rurale 2014-2020 approvato dalla Conferenza dei Presidenti delle Regioni e delle Province autonome il 16 gennaio 2014. Dispiace constatare che il confronto fra le legittime posizioni delle Regioni venga rappresentato come la battaglia delle regioni del Nord contro i territori e le popolazioni del Sud”. Ora la palla passa a Patuanelli.

Ti potrebbe interessare anche: Milano vuole sfrattare la storica “Sala Venezia”: e parte la petizione per salvarla

Tutti in fuga da AstraZeneca: a Torino 1 paziente su 4 dice no al vaccino anglo-svedese

Il sindacato di Polizia: “Stanchi di reprimere”. E ai ristoratori: “Capiamo l’esasperazione”