in

Paragone: “Grillo e M5S ridicoli: votano la riforma Mes e poi non lo utilizzano? Bugiardi”

Sul balletto del Movimento 5 Stelle intorno al voto sulla riforma del Mes è intervenuto il leader di ItalExit, Gianluigi Paragone, il quale non ci è andato leggero nei confronti dei 5Stelle e soprattutto del fondatore del Movimento, Beppe Grillo. L’immagine per spiegare tutto è semplice: ci compriamo una macchina, ma poi non la utilizziamo. Già, perché la questione è questa. Il Movimento prova con un giochino retorico a salvare la faccia con gli elettori e al tempo stesso le comode poltrone del governo: dicono di votare per la riforma ma che poi il Mes non lo utilizzeranno. “Ma ci prendono per scemi?” – tuona Paragone – “Se votano la riforma è perché poi il Mes ce lo fanno prendere, altrimenti non lo riformeresti proprio. Ma non possono votare No, altrimenti vanno a casa”.

Il riferimento è quanto è trapelato dal Quirinale. Mattarella sarebbe stato chiaro: “O si vota Sì alla riforma del Mes o si va a elezioni”. E andare a elezioni ora significa per molti grillini perdere il seggio. Attacca Paragone: “Questi hanno i mutui da pagare, non possono rischiare di andare a casa”. Ma il leader di ItalExit ce l’ha soprattutto con Beppe Grillo: “Quando parla non si può prendere seriamente. Non c’è più nulla del suo impeto quando entra nelle questioni politiche. Il Movimento 5 Stelle è romai un partito di potere. Grillo fa questa comparsata sul Mes, ma poi il 9 vedremo in parlamento lo spettacolo dei 5 Stelle che votano Sì”.

“Il 9 – aggiunge Paragone – vedremo quanti saranno i grillini coerenti con il passato e voteranno No. Solo gli stolti credono a questa favoletta del Sì alla riforma e il No all’utilizzo. È come andare a fare la spesa per poi non mangiare quello che si è comprato. Siamo alle comiche con questi. Dicono che il Mes lo riformano per non utilizzarlo. Che furboni! Vogliono riformare il Mes (senza neanche il mandato parlamentare) e poi non lo utilizzano”, attacca con sarcasmo Paragone.

“Grillo dice che il Mes è inadatto e inutile, però votano Sì alla riforma”. Conclude Paragone: “Vi svelo come andrà a finire questa storia: i maggiordomi voteranno il Mes e uccideranno gli italiani. Quale sarà l’alibi? ‘Voteremo la riforma ma non la utilizzeremo’. Siamo sotto ricatto di Bruxelles: a Conte fanno capire che se vuole i soldi del Recovery deve prendere il Mes. E così l’Europa dimostra ancora una volta di essere un super Stato arrogante”. Qui il VIDEO completo con l’analisi di Gianluigi Paragone.

Ti potrebbe interessare anche: Autostrade, il ministro Patuanelli ascoltato dalla Procura per gli (inspiegabili) incontri con Castellucci

Autostrade, il ministro Patuanelli ascoltato dalla Procura per gli (inspiegabili) incontri con Castellucci

L’Europa assalta i porti italiani: “Dovete privatizzare”. E così li dà a cinesi e tedeschi