Vai al contenuto

Paragone: “Io candidato alle europee con la Lega? Come stanno davvero le cose” (Il VIDEO)

Pubblicato il 10/01/2024 11:42

Un video per fare chiarezza sulle ultime indiscrezioni pubblicate dai giornali. E per ribadire che no, Gianlugi Paragone non si candiderà alle prossime elezioni europee. In un filmato pubblicato sul proprio profilo Facebook, è stato il diretto interessato a spiegare agli italiani come stanno le cose e quali saranno i suoi progetti futuri: “Oggi sul Foglio e sul Corriere della Sera mi ritrovo come candidato alle Europee per la Lega. Saremmo in tre, tra i candidati di Salvini: io, il generale Vannacci e Palamara. Una notizia che almeno per quanto mi riguarda è completamente falsa. Io non mi candiderò con nessuno, mi sono appena dimesso da Italexit per tornare a fare il giornalista. Accompagnerò ovviamente le battaglie di chi continua a vedere nell’Europa un pericolo, ma non mi candiderò. Mi fa piacere però che il Foglio abbia citato nel titolo la trasmissione La Gabbia, vuol dire che quel programma era stato importante, per primo aveva toccato determinati temi e messo all’indice questa Ue che non rispetta i cittadini”. (Continua a leggere dopo la foto)

“In ballo 1,6 milioni di euro”. La mossa del Codacons che fa tremare Chiara Ferragni: cosa rischia l’influencer

paragone europee

“L’Europa è costruita sulla grande finanza e sul potere dell’indebitamento – ha proseguito Paragone – per costringere i cittadini e i governi a sottostare a un potere che dall’alto li schiaccia. Dal basso, invece, sono i flussi migratori a creare destabilizzazione, ansie, paura. Questa è l’Europa”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Io continuerò a parlare di queste cose da giornalista, non lo farò da politico – ha ribadito Paragone – Mi fa piacere che le battaglie che abbiamo combattuto in passato, mediaticamente, siano ancora attuali. Non ho avuto problemi nel riconoscere che Lega e Fratelli d’Italia siano stati importanti nel bocciare il Mes. Continuo a parlare con Claudio Borghi, che ha diretto quei momenti con sapienza e coraggio politico”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Bisogna, mai come in questo momento, stare attorno a coloro che denunciano il potere distorto dell’Europa – ha chiarito un’ultima volta Paragone – ma io lo farò da giornalista e non da politico”.

“Cosa diceva dell’Italia”. Macron nomina primo ministro un anti-italiano: chi è e perché è già polemica