x

x

Vai al contenuto

Muore suicida il re dei ristoratori di Palinuro. Non ha retto alla crisi

Pubblicato il 30/04/2020 10:08

Il governo non può non tener conto di quanto sta accadendo. Oltre alla conta dei decessi per Coronavirus è iniziata quella dovuta alle conseguenze della crisi che oggi gli italiani sono chiamati ad affrontare. Un’altra tragedia aggiunta a tante altre. “Napoli zon” racconta la morte suicida di un grande imprenditore divenuto simbolo della costiera del Cilento. La chiusura dei suoi locali a causa del Coronavirus, la conseguente pressione economica, lo stress della clausura protratta per mesi, tutto in un’età critica. Così Carmelo non ha retto e si è tolto la vita.

Carmelo Serva, ristoratore storico di Palinuro che– riporta Il Mattino – sabato 18 aprile, intorno alle ore 13, ha deciso di uccidersi sparandosi con un colpo di fucile. Dove oggi c’è il ristorante, quarant’anni fa non c’era nulla. Il suo ristorante che prende il suo nome “Da Carmelo”, in oltre 60 anni di attività ha ospitato tanti vip, divenendo simbolo della zona. 

Una vita di sacrifici la sua, ma di grandi soddisfazioni. «Quando ho aperto il ristorante – diceva – non dormivo mai, di notte andavo al mercato del pesce di Torre Annunziata, poi a prendere le mozzarelle a Capaccio. Erano altri tempi. La sala è stata sempre piena di persone da ogni parte del mondo.» L’intera costiera del Cilento piange un uomo buono, conosciuto da tutti.

Forti gli imprenditori italiani che con tanta passione e dedizione hanno costruito l’economia e la storia del nostro Paese. Tante volte rialzandosi da soli. Ma non questa volta. Questa volta lo Stato non può abbandonare i commercianti i ristoratori e i piccoli imprenditori a loro stessi, senza aiuti veri e concreti non ce la faranno.