in

“Ecco quanto durerà davvero la guerra”. La previsione choc di Paolo Mieli in diretta: cosa ha detto

Paolo Mieli, ex direttore del Corriere della Sera, in collegamento con il programma Tagadà su LA7, giovedì 23 giugno, racconta a che punto è la guerra e fa una previsione nerissima: “Kaliningrad non è come il corridoio di Danzica. È stupido pensare che ora in Ucraina ci sia una possibilità di pace. Il parallelo con Danzica funziona fino a un certo punto, Kaliningrad è già russa, ma è circondata da paesi Nato cioè Finlandia (che lo sarà tra poco, ndr) e Polonia e questo rende la zona esplosiva” ha detto Mieli prima di rivelare perché la Finlandia ha annunciato che reagirà se sarà attaccata militarmente: “È un modo per andare in aiuto all’Ucraina e dire che la storia non finisce qui”. (Continua a leggere dopo la foto)

La Finlandia “applicherà le sanzioni in maniera inaspettatamente rigida per far capire ai russi che se pure sterminano tutti gli ucraini nel Donbass, non staranno tranquilli”. Mieli ha evidenziato che la conquista del Donbass, data per scontata fin dal 24 febbraio, è ancora da realizzare e se con l’arrivo delle nuove armi dagli USA (oggi sono stati consegnati i lanciarazzi Himars), i soldati di Kiev riuscissero a riprendere il controllo di Kherson, si riaprirebbero i giochi. (Continua a leggere dopo la foto)

E qui arriva la tirata d’orecchie a Nato, Ue e governo italiano: “La visione che ha il popolo, l’opinione pubblica, la tv con i suoi dibattiti, i giornali nei paesi europei e in Italia per cui che ci vuole, basta lasciargli il Donbass, i russi si accontentano e arriva la pace è una stupidaggine colossale”. (Continua a leggere dopo il video)

Continua Mieli: “Non sta in piedi né eticamente né sotto il profilo militare. Dobbiamo capire che la guerra durerà quantomeno tutta l’estate perché verso la metà di luglio l’Ucraina avrà le armi americane, la Russia risponderà e sarà un’altra partita”. Per Paolo Mieli quando Mosca intima a Kiev di accettare “tutte le nostre richieste”, siamo di fronte a un accordo capestro non a un negoziato.

Ti potrebbe interessare anche: Elezioni, nessuno dovrà raccogliere le firme tranne Italexit. Il Palazzo cerca di affossare l’unica opposizione

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Rifiuta l’impiego e viene insultata: “Non vuoi lavorare”. Ma lo stipendio era da fame, anzi ridicolo. La cifra

Torna l’obbligo di mascherine Ffp2: la decisione di Speranza, cosa cambia dal 1 luglio