in

“Mascherine, vaccini, restrizioni”. Blitz di Speranza. Ecco il “regalo” che vuole lasciare agli italiani

Pubblicato il 05/10/2022 10:56 - Aggiornato il 05/10/2022 11:32

Dopo aver fatto la guerra per mesi e mesi agli italiani, costringendoli a sopportare restrizioni sempre più gravose e difendendo le proprie scelte anche mentre il resto del mondo tornava alla normalità, il ministro della Salute uscente Roberto Speranza ha pronto il suo testamento. Per nulla piacevole, come facilmente pronosticabile. Oltre a un inverno durissimo sul fronte energetico, dunque, ci aspettano altri mesi di obblighi per contrastare il Covid, virus che in questo momento, numeri alla mano, non fa per niente paura. Ma tant’è. Ecco, allora, a cosa stiamo andando incontro.

La Verità ha diffuso la bozza della circolare “Indicazioni per la gestione dell’epidemia Sars-Cov-2 nella stagione autunno-inverno 2022-23”. Un testo non ancora diffuso ufficialmente e con il quale Speranza ci lascerà in eredità nuove linee guida da seguire in caso di risalita dei contagi. A partire, ovviamente, dalle tanto odiate mascherine: “Il loro utilizzo in spazi chiusi potrà essere una prima opzione per limitare la trasmissione nella comunità in caso si documentasse un evidente peggioramento epidemiologico”.

Il senso, insomma, è chiaro: alla prima occasione utile l’obbligo di mascherina tornerà, e non sarà la sola misura da applicare. Scorrendo ancora il testo, infatti, si legge: “Nel caso di peggioramento sensibile si potrà valutare l’adozione di misure temporanee come il lavoro da casa o la limitazione delle dimensioni degli eventi che prevedono assembramenti”. Il tutto nonostante da mesi gli scienziati stiano invitando i decisori politici a prestare attenzione esclusivamente ad anziani e fragili.

13/11/2016 Roma, La7, trasmissione televisiva in Otto e Mezzo, nella foto Roberto Speranza

La circolare si conclude con l’ennesimo appello rivolto a tutta la popolazione italiana al di sopra dei 12 anni al doppio richiamo di vaccino, anche in questo caso in controtendenza con quanto suggerito dagli esperti. Speranza, insomma, è rimasto lo stesso e detta la solita ricetta: mascherine, vaccini, restrizioni. Un testamento decisamente sgradito che si spera Giorgia Meloni non vorrà accettare, per non tradire le promesse fatte agli italiani.

Ti potrebbe interessare anche: “In arrivo la sesta ondata”. Gli ipervaccinati di Israele lanciano l’allarme: e da noi c’è chi si sfrega già le mani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Ecco il nuovo ministro dell’Economia”: la scelta di Giorgia Meloni (che potrebbe non piacere ai suoi stessi elettori)

5 missili sul mar del Giappone, l’esercitazione finisce male. Figuraccia di Usa e Corea del Sud (VIDEO)