in

Bollette, 3 milioni di italiani truffati. Come tutelarsi per evitare spiacevoli sorprese e cosa è successo

Pubblicato il 28/09/2022 10:21 - Aggiornato il 28/09/2022 10:34

Non ci sono soltanto i temutissimi rincari e il rischio di razionamenti obbligatori a tormentari i sonni degli italiani. Negli ultimi 12 mesi, infatti, ben 12 milioni di cittadini hanno subito loro malgrado una truffa nell’ambito delle utenze luce e gas, con un danno economico che è stato stimato complessivamente in ben 505 milioni di euro. A rivelarlo è un’indagine commissariata da Facile.it agli istituti mUp Research e Norstat.

Stando alle ricerche, tra le voci di spesa famigliare analizzate dall’istituto sono le utenze di luce e gas quelle che hanno visto gli italiani cadere in trappola con la maggiore frequenza. Tra gli intervistati, infatti, il 7,1% ha dichiarato di aver subito una truffa in questo ambito. A seguire le carte elettroniche (6,5%), la telefonia mobile (5,2%), mentre l’assicurazione auto/moto, da alcuni ritenuta una delle aree più a rischio, in realtà è tra i campi analizzati quello dove in percentuale gli italiani sono stati truffati meno frequentemente .

Ma come si muovono, di preciso, i truffatori? Sempre secondo i dati raccolti dai ricercatori, tra i canali più usati ci sono i finti call center (44%) e le visite porta a porta (31%). Il 54% di chi cade in trappola non denuncia la frode, valore addirittura più alto rispetto alla media rilevata nelle altre voci di spesa familiare oggetto di indagine, dove chi non denuncia è il 41,5% dei truffati.

Le vittime predilette dei truffatori sono soprattutto gli uomini (8,9% rispetto al 5,3% del campione femminile) e, a dispetto di quanto si possa pensare, i rispondenti con un titolo di studio universitario (9,9% rispetto al 5,6% rilevato tra i non laureati). Dal punto di vista anagrafico emerge che, a cadere in trappola nell’ambito delle utenze luce e gas, sono più sovente i rispondenti nella fascia di età 35-44 anni (9,2%) mentre, a livello territoriale, sono i residenti nel Nord Est (9,6%).

Ti potrebbe interessare anche: “In arrivo la sesta ondata”. Gli ipervaccinati di Israele lanciano l’allarme: e da noi c’è chi si sfrega già le mani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“L’Italia deve eseguire gli ordini”. La finanza europea avvisa Meloni, e lei china il capo

“Aumenti impressionanti!” Le bollette cresceranno ancora. L’allarme Nomisma: “Ecco di quanto”