in

Lega, ecco chi farà parte della nuova segreteria. Salvini non sarà più l’uomo solo al comando

Non più l’uomo solo al comando. Queste ultime elezioni Regionali hanno dato più di uno scossone al mondo politico. E così anche nella Lega è tempo di cambiamenti. Salvini fa qualche passo indietro e vara una segreteria politica, una struttura vecchio stile, copiando il modello dei partiti della Prima Repubblica. “L’Italia è in campagna elettorale permanente e Matteo non può fare tutto da solo, anche perché si è reso conto che condividere le scelte significa anche limitare il numero degli errori”, confida una fonte del Carroccio ripresa da affaritaliani.it.

Spiega affaritaliani.it: “La segreteria avrà un compito organizzativo e soprattutto di indirizzare la strategia politica del partito. E quindi le alleanze elettorali, le manifestazioni da organizzare, i temi sui quali spingere in quel determinato momento, l’atteggiamento da tenere in Parlamento, i rapporti con gli alleati del Centrodestra e con la cosiddetta società civile”. Ma quello che ora tutti si chiedono è: chi ne farà parte? Il primo nome è certamente quello dell’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, da tempo non più in linea con Salvini e uomo che piace alla base storica della Lega. Inoltre, a Roma è l’uomo con la maggior esperienza politica e con agganci internazionali.

Nella segreteria entreranno anche i due capigruppo, Riccardo Molinari (Camera) e Massimiliano Romeo (Senato), oltre al vicepresidente di Palazzo Madama e volto storico della Lega Roberto Calderoli. Un posto anche per il giovane vicesegretario Andrea Crippa e probabile l’ingresso anche dell’ex ministro Lorenzo Fontana, uomo di cui Salvini si fida moltissimo, esattamente come del rhodense Fabrizio Cecchetti, vicecapogruppo a Montecitorio silente (modello Giorgetti) con i giornalisti ma esperto di tattiche parlamentari e con fiuto politico.

Sul fronte economico quasi certamente nella segreteria entrerà anche il senatore toscano Alberto Bagnai e, forse, anche gli ex membri del governo Conte I Massimo Garavaglia e Claudio Durigon. Tra le donne, l’unica sicura è la candidata sconfitta in Toscana Susanna Ceccardi. In lizza anche Giiulia Bongiorno, Erika Stefani e Lucia Borgonzoni. Probabile l’ingresso nella nuova segreteria della Lega anche l’ex ministro Centinaio. Salvini, dunque, non sarà più l’uomo solo al comando.

Ti potrebbe interessare anche: “98 miliardi di tesoreria”. Usiamoli invece di prendere soldi in prestito dall’Europa

Germania, maxi-manovra con nuovo debito da 96 miliardi. E addio pareggio di bilancio

Paragone e la disfatta M5s: l’Italia che lavora manda al diavolo i grillini