in

Le “semplificazioni” del governo: una guida di 411 pagine per pagare le tasse

Con una formula simile a quella di certi reality show di successo, esiste una netta cesura tra quello che del governo vediamo all’interno del piccolo schermo e quello che avviene invece fuori, nella vita reale. Promesse, rassicurazioni e impegni severi si limitano, purtroppo, al primo dei due mondi in cui Conte e i suoi si muovono. Nell’altro, di tutto questo ci sono poche tracce, rarefatte. Ennesima prova, dopo i tanti aiuti rimasti su carta mentre l’Italia colpita dal coronavirus si ritrova in ginocchio, arriva dalle tanto sbandierate semplificazioni, che negli slogan televisivi dovrebbero contribuire a rilanciare il Paese a gran velocità.

Le "semplificazioni" del governo: una guida di 411 pagine per pagare le tasse

La Pubblica Amministrazione e l’Agenzia delle Entrate, in particolare, dovrebbero trasformarsi secondo Conte in un aiuto prezioso per i cittadini e non più in ostacoli pronti da un momento all’altro a creare grattacapi. Un sogno a occhi aperti. Destinato, appunto, a rimanere tale. Neanche il tempo di annunciare la rivoluzione, infatti, che ecco comparire all’orizzonte la circolare del Fisco dedicata alla prossima dichiarazione dei redditi. La “Guida per la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche” edizione 2020 è un tomo talmente voluminoso da far invidia a certe opere fantasy da cui sono state tratte trilogie su trilogie di film: 411 pagine, in aumento rispetto alle 360 dell’anno scorso e alle 324 del 2017.

Le "semplificazioni" del governo: una guida di 411 pagine per pagare le tasse

Non bastasse la crescita costante di fogli che, anno dopo anno, si fanno sempre più spessi, ci sono anche le tempistiche a far discutere. Attraverso le colonne de Il Giornale, il presidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili Matteo De Lise ha infatti segnalato come la guida sia stata pubblicata l’8 giugno 2020: “Peccato che la prima scadenza di versamento per le persone fisiche sia fissata per il 30 giugno”. Neanche un mese di tempo, dunque, per tenersi informati su procedure che non sono state affatto snellite.

Le "semplificazioni" del governo: una guida di 411 pagine per pagare le tasse

“Hanno fatto tutto tranne che semplificare – ha aggiunto De Lise – hanno creato confusione, facendo annunci ai quali non sono seguite leggi. Così si crea una distonia comunicativa che danneggia tutti”. Con chiaro riferimento a quel superbonus al 110% entrato teoricamente in vigore ma senza norme che lo rendano esecutivo e che richiede, in realtà, una procedura tutt’altro che semplice per migliorare la propria residenza in ottica anti-terremoto o per migliorarne le classi energetiche. Richiesta, asseverazione di un tecnico, attestato di prestazione energetica, certificazione del fornitore delle valvole termostatiche (ove necessario), delibera assembleare, informativa all’Ente Nazionale per l’Energia. Questi i passaggi richiesti, il tutto entro 90 giorni. Alla faccia delle semplificazioni.

Ti potrebbe interessare anche: Spese ‘strane’ in pieno lockdown. Le verifiche sulle rendicontazioni dei grillini

Conte non deve cadere: così Berlusconi e 5S si preparano (incredibilmente) a convivere

Allarme del Turismo, 60% degli alberghi chiusi, 100mila stagionali a casa