in

Le città dei ricchi! ll piano dei sindaci del PD per limitare gli accessi alle città. Ecco il futuro imminente

Pubblicato il 04/10/2022 23:52

SALA, IL SINDACO DEI MILIARDARI CHE DISPREZZA IL POPOLO

AREA B, uno scandalo targato Sala. E non è l’unico, visto che è di ieri la notizia che, sotto la guida illuminata del sindaco che ama i miliardari e detesta il popolo, Milano è diventata la città più pericolosa d’Italia. I milanesi sono lasciati in balìa della criminalità, messi in ginocchio dalle bollette monstre e dall’aumento dei prezzi. E Sala che fa? Semplicemente se ne infischia, e anziché chiedere scusa decide di chiudere l’ingresso in città a lavoratori e padri di famiglia che non possono permettersi di acquistare una nuova auto – magari dopo averla cambiata solo un paio di anni fa. Ma per il sindaco quelli non sono cittadini, sono pedine sacrificabili.

La Milano di Sala non va al di là dei grattacieli e dalla zona del centro. Per gli altri, bontà sua, “si dispiace”. E mentre “si dispiace” non ha nemmeno pensato di costruire parcheggi in prossimità delle fermate dei mezzi, che peraltro si trovano quasi sempre all’interno dell’Area vietata. Un delirio. Una visione classista e becera, già dimostrata attraverso l’abbandono delle periferie e la resa incondizionata ai criminali. Il blocco degli ingressi in città messo in atto in piena emergenza economica, con famiglie e attività duramente penalizzate da bollette monstre e aumento dei prezzi, è un provvedimento che va a colpire decine di migliaia di lavoratori ed è assolutamente demenziale. Non serve per ridurre l’inquinamento, discrimina chi usa l’auto per andare al lavoro e penalizza ulteriormente commercianti e ristoratori. L’ennesima vergogna di una giunta che sta distruggendo il cuore di Milano, la sua umanità e le sue tradizioni per consegnarla a banche, speculatori e multinazionali.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Razzolare male e predicare bene”. Un testo di un generale delle Forze Armate

Meloni telefona a Zelensky: ecco cosa si sono detti i due alleati