in , ,

L’Istat: “Crolla sotto il 40% il tasso di occupazione dei giovani”. Un dato che fa paura

Nel secondo trimestre mezzo milione di occupati in meno. L’Istat fornisce i numeri sull’andamento occupazionale e sul mercato del lavoro. E c’è da mettersi le mani nei capelli, pensando soprattutto al futuro. Perché a pagare il prezzo più alto sono proprio i giovani. Il tasso di disoccupazione si attesta infatti all’8,3%, e i disoccupati sono saliti a 2.057.000. Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni sono aumentati di 5,5 punti percentuali rispetto al primo trimestre e di 10 punti rispetto al trimestre precedente raggiungendo quota 14.183.000 unità.

A perdere il lavoro non solo sono stati soprattutto i dipendenti con contratto non superiore a 6 mesi (428 mila nel secondo trimestre), ma i giovani, tant’è che il tasso di occupazione della fascia 15-34 anni è crollato al 39,1%. Per dare un’idea: nel 2008 era oltre il 50%. Inoltre non ci sono state nuove assunzioni a tempo determinato, di stagionali. Gli occupati si riducono così di 470.000 unità rispetto al primo trimestre e di 841.000 unità rispetto al secondo trimestre 2019. La riduzione è dovuta soprattutto al calo dei lavoratori a termine e degli indipendenti, visto anche il blocco dei licenziamenti imposto dal governo.

Rispetto al secondo trimestre 2019 i dipendenti a termine sono diminuiti di 677.000 unità (-21,6%) mentre gli indipendenti hanno perso 219.000 unità (-4,1%) a fronte di un -3,6% dell’occupazione complessiva. Il tasso di occupazione tra i 15 e i 64 anni scende al 57,6%. Dati davvero allarmanti, soprattutto se letti anche in relazione a come e dove c’è stato il calo degli occupati e delle ore di lavoro. Aumentano infatti i divari non solo per fasce di età, ma anche per sesso, area geografica e tipo di attività.

Il calo del tasso di disoccupazione è ancora maggiore nel Mezzogiorno (-3,2 punti) e nel Centro (-3,0 punti) in confronto al Nord (-0,8 punti) e si associa all’aumento più intenso del tasso di inattività nelle regioni meridionali e centrali (+4,4 e +4,0 punti, rispettivamente) rispetto al Nord (+2,7 punti). Inoltre, e anche questo è gravissimo, tornano ad aumentare le differenze di genere: tra le donne è maggiore il calo del tasso di occupazione (-2,2 punti in confronto a -1,6 punti gli uomini) e di quello di disoccupazione (-2,3 e -1,9 punti, rispettivamente) in concomitanza al maggiore aumento del tasso di inattività (+3,9 e +3,2 punti). Ecco come il governo Conte pensa al futuro.

Ti potrebbe interessare anche: 11 settembre, a 19 anni di distanza gli effetti della strage non sono ancora finiti

Il mistero del dossier italiano sul coronavirus scomparso nel nulla

Così Bruxelles ci spinge ad abbandonare il Made in Italy