in

“La gente come noi”, l’associazione di Puzzer presenta il suo bilancio sociale: «Ecco tutti gli aiuti che abbiamo dato»

Pubblicato il 10/11/2022 18:37

“La Gente come Noi” è un comitato fondato e gestito dai portuali di Trieste, nello specifico Stefano Puzzer, Andrea Donaggio e Franco Zonda, creato come “strumento eccezionale” per tutte quelle persone che, in qualche modo, sono state danneggiate dal decreto criminale del Green Pass e degli obblighi vaccinali, varati lo scorso ottobre 2021. Il comitato vuole fungere da trait d’union tra i liberi cittadini, per fornire un aiuto concreto a chi si è trovato in una condizione di necessità a causa delle abominevoli vessazioni subite dal governo e dai datori di lavoro.
(Continua a leggere dopo la foto)

“SOLIDARIETA’, FRATELLANZA, AMICIZIA”. Questi sono i principi cardine su cui si basa questa bella iniziativa, che ha lo scopo di fornire anche il doveroso sostegno economico verso chi lotta nei tribunali per la verità e la giustizia. Un aiuto che si basa esclusivamente sulle donazioni di quei cittadini che si sentono per svariati motivi vicino ai propri connazionali più colpiti. A tal proposito indichiamo il link Gofoundme per effettuare le donazioni ed aiutare il comitato nella sua opera di bene (CLICCA QUI).
(Continua a leggere dopo la foto)

Le persone iscritte al comitato di Puzzer, Donaggio e Zonda credono fermamente nella solidarietà e si sentono parte integrante di una comunità che è stata ghettizzata e segregata dalla malefica tessera verde e dagli infami obblighi governativi. “LA GENTE COME NOI” ha lo scopo, senza il perseguimento di alcuna finalità di lucro, di curare attivamente l’organizzazione, la promozione e il coordinamento di raccolte fondi e di libere spontanee donazioni materiali ma, soprattutto, della loro ridistribuzione al fine di tutelare legalmente in ogni sede, civile, penale ed amministrativa la categoria professionale dei portuali di Trieste e dell’Italia tutta; fornire sostegno economico alle famiglie dei portuali di Trieste e dell’Italia tutta, che a causa dei provvedimenti discriminatori emanati durante l’emergenza pandemica siano stati o siano attualmente in difficoltà per il loro sostentamento; dare sostegno economico alle famiglie di tutte le categorie professionali che a causa dei provvedimenti discriminatori emanati durante l’emergenza pandemica siano stati o siano attualmente in difficoltà per sostentamento.
(Continua a leggere dopo la foto)

Il comitato funge è stato negli ultimi mesi un punto di riferimento per le famiglie Italiane discriminate, fornendo loro un aiuto concreto, adoperandosi nel mettere a disposizione spese alimentari; aiutare nel pagamento delle bollette; aiutare legalmente i cittadini bisognosi nella lotta per la giustizia sociale. Tutto questo ramificato in tutto il territorio e senza alcun fine di lucro e tutto in massima trasparenza. Prova ne dà l’ultimo post pubblicato sulla pagina ufficiale Facebook dal direttivo, dove viene esplicitato il bilancio di questi mesi di supporto agli italiani, che riportiamo qui di seguito.
(Continua a leggere dopo la foto)

Chi avrà il piacere con un piccolo contributo potrà aiutare assieme a Stefano e gli altri ragazzi chi ha bisogno e chi assieme a noi sta lottando contro i crimini di Stato. LA GENTE COME NOI NON MOLLA MAI E HA IL POTERE DI AIUTARE LE FAMIGLIE DISCRIMINATE IN DIFFICOLTA’. Dona ora cliccando QUI.

Potrebbe interessarti anche: Muore 3 giorni dopo le nozze. Un malore fatale per Mara, sotto gli occhi del marito: “Non realizzo cosa sia successo”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Muore 3 giorni dopo le nozze. Un malore fatale per Mara, sotto gli occhi del marito: “Non realizzo cosa sia successo”

“Sospendete l’accoglienza dei profughi dall’Italia”. Lo sgambetto del Paese europeo fa scoppiare la crisi diplomatica