in

Il ministro Pd fa il buco e noi paghiamo: ecco quanto ci è costata l’ultima “idea” di Franceschini

Pubblicato il 24/06/2022 13:15

Sulla bontà delle intuizioni dell’ex ministro della Cultura Dario Franceschini i dubbi sono diventati, col passare del tempo, sempre più legittimi. Basta pensare, per esempio, al portale Verybello.it, che nelle intenzioni dell’esponente del Pd avrebbe dovuto favorire il rilancio del turismo internazionale e che invece è naufragato clamorosamente nel nulla. Non troppo migliori sono state le sorti della “Netflix della cultura italiana”, altro progetto presentato in pompa magna e però, numeri alla mano, tutt’altro che vincente. Anzi.

Come raccontato da Luciano Capone sulle pagine del Foglio, i sospetti che l’idea non fosse delle migliori sono stati confermati dall’avvicendarsi di tre amministratori delegati diversi in un solo anno. Uno scetticismo confermato ora dal bilancio 2021: ITsArt, la Netflix italiana lanciata da Franceschini e controllata da Cassa Depositi e Prestiti e Chili, ha perso quasi 7,5 milioni di euro, prosciugando quasi del tutto la riserva di 9,8 milioni finanziata dal decreto Rilancio e versata da Cdp a seguito di una convenzione con il ministero dei Beni Culturali.

All’epoca della presentazione del progetto, Franceschini aveva parlato di “una piattaforma digitale pubblica a pagamento che possa mostrare a tutta Italia e a tutto il mondo l’offerta culturale del nostro Paese”. Si trattava, secondo l’allora ministro, di “proiettare nel futuro” lo spettacolo italiano, rendendo disponibili contenuti come musica, teatro, danza e arti circensi a tutto il mondo. La società ITsArt era nata alla fine da una partnership tra Cdp (al 51%) e Chili (al 49%), con il pubblico a versare i soldi e il socio privato a mettere a disposizione la piattaforma digitale.

I risultati, però, sono stati impietosi: a costi di produzione di circa 7,7 milioni di euro hanno fatto seguito ricavi miseri, fermi a quota 245 mila euro. Ufficialmente la società ha dichiarato di poter andare avanti: “Il presidente sottolinea come tale perdita appaia compatibile con la fase di start-up che ha caratterizzato il primo anno di esercizio”. Con questi conti sarà però difficile trovare investitori o finanziatori sul mercato. Con il rischio che sia ancora una volta il governo, in futuro, a dover versare soldi preziosi.

Ti potrebbe interessare anche: “In arrivo la sesta ondata”. Gli ipervaccinati di Israele lanciano l’allarme: e da noi c’è chi si sfrega già le mani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Draghi si riprende il Superbonus. La mazzata finale del governo sul 110%. Chi risponderà delle truffe

Da Casaleggio a Tabacci, il pendolo di Giggino