in

Una App per stanare i positivi. Ecco come funziona l’ultima invenzione per capire chi ha il Covid. Follia!

Pubblicato il 07/09/2022 10:29 - Aggiornato il 07/09/2022 10:44

L’era Covid sembra non voler finire. Non tanto lei, ma chi l’ha gestita finora. Più di qualcuno in tutta questa storia ci ha sguazzato, e ha fiutato orizzonti politici, economici e sociali da cui ormai è davvero difficile separarsi. E così, mentre gli italiani non sembrano quasi più accorgersi dell’esistenza del virus, si continua a parlare di quarta dose, Green pass e, udite udite, anche di una nuova app per riconoscere i positivi. Ebbene sì. Come racconta Il Tempo, “una app per smartphone potrebbe essere utilizzata per rilevare l’infezione da Covid nella voce delle persone. È la proposta di un team di ricercatori dell’Università di Maastricht presentata al Congresso dell’European Respiratory Society ERS a Barcellona”. (Continua a leggere dopo la foto)

Si legge nell’articolo: “Secondo i ricercatori l’intelligenza artificiale utilizzata è più accurata dei test antigenici rapidi a flusso laterale. Inoltre è economica, veloce e facile da usare, e quindi può essere usata anche nei paesi a basso reddito. Infatti la sua accuratezza complessiva è stata dell’89%; la capacità di rilevare correttamente i casi positivi (il tasso di vero positivo o «sensibilità») dell’89% e di identificare quelli negativi (il tasso di vero negativo o «specificità») ben dell’83%. L’infezione da Covid di solito colpisce le vie respiratorie superiori e le corde vocali, portando a cambiamenti nella voce di una persona”. (Continua a leggere dopo la foto)

Spiega ancora Il Tempo: “I ricercatori hanno utilizzato i dati dell’app Covid-19 Sounds dell’Università di Cambridge, che contiene 893 campioni audio di 4.352 partecipanti sani e non sani, 308 dei quali sono risultati positivi al virus. Dall’inizio del progetto, sono stati raccolti 53.449 campioni audio da 36.116 partecipanti e possono essere utilizzati per migliorare e convalidare l’accuratezza del modello. I ricercatori stanno poi effettuando ulteriori analisi, per capire quali parametri nella voce stanno influenzando il modello. L’app si installa sul cellulare e i partecipanti alla ricerca hanno dovuto inserire alcune informazioni di base (dati demografici, anamnesi e abitudine al fumo) e di registrare alcuni suoni respiratori: tre colpi di tosse; 3-5 respiri profondi con la bocca; la lettura di una breve frase per 3 volte”. (Continua a leggere dopo la foto)

“È stata utilizzata una tecnica di analisi vocale (Mel-spectrogram analysis), che identifica diverse caratteristiche della voce come volume, potenza e variazione nel tempo. In questo modo possiamo scomporre le molte proprietà delle voci dei partecipanti. Per distinguere la voce dei pazienti Covid da quelli che non avevano la malattia, abbiamo costruito diversi modelli di intelligenza artificiale” spiega Wafaa Aljbawi, ricercatrice presso l’Istituto di scienza dei dati dell’Università di Maastricht. Intanto l’Aifa, dopo l’approvazione di Ema, ha dato il via libera all’utilizzo dei vaccini bivalenti Pfizer e Moderna sopra ai dodici anni di età.

Ti potrebbe interessare anche: “La gestione della pandemia è stata un fallimento”. Gismondo asfalta Speranza (il VIDEO)

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Soffrirete”: l’avvertimento choc della Russia all’Italia, parole che fanno paura

Fuori dal Coro, anche Salvini evade la domanda sul Green pass e vaccinazione obbligatoria (il VIDEO)